Il tuo carrello

In offerta!

AUTORITA' AMMINISTRATIVE E SOFT LAW

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

autore: Maria Esmeralda Bucalo

editore: Giappichelli

anno di pubblicazione: 2018

pagine: 272

34,00 32,30

APPROFONDISCI

Autorità Indipendenti e soft law è una monografia scientifica che vuole indagare il fenomeno della soft law, limitando il campo di indagine ad alcune Autorità Indipendenti che. per la loro autorevolezza e per l’importanza dei settori cui sono proposte, si sono imposte nel panorama italiano. In particolare lo studio evidenzia come esse, attraverso i loro atti spesso non dotati di efficacia formalmente vincolante, siano in grado di intervenire nel sistema delle fonti in modo significativo.

Ciò accade perché il legislatore pare aver scelto di abbandonare il campo di gioco in settori molto rilevanti dal punto di vista economico e sociale e caratterizzati da alta tecnicità, delegando a questi organismi la loro governance generale.

Il lavoro, partendo dalla nozione di soft law e dalle sue origini, procede indagando dapprima la funzione normativa delle Autorità indipendenti in generale e analizza poi nello specifico le funzioni normative e paranormative di AGCM, ANAC e Commissione di garanzia dello sciopero nei servizi essenziali ed infine, per mezzo dell’esame della loro più recente prassi e della giurisprudenza, vorrebbe identificare quali possano essere i limiti e le possibili forme di tutela avverso un fenomeno che è capace di scardinare il sistema gerarchico delle fonti e condizionare fortemente diritti costituzionalmente sanciti.

Indice
Prefazione XI
Premessa XV
Capitolo I
La soft law come fonte del diritto fra teoria delle fonti
e teoria della interpretazione
1. Soft law: cenni introduttivi 1
2. Definizioni e caratteri della soft law 5
2.1. Definizioni e caratteri della soft law nella dottrina internazionalista 5
2.2. Definizione e caratteri della soft law nella dottrina comunitarista: la
normatività fra teoria binaria e teoria della “normatività graduata” 8
2.3. (Segue) La eterogeneità 14
2.4. Definizioni e caratteri della soft law nella giurisprudenza comunitaria 18
3. Soft law fra teoria delle fonti e teoria della interpretazione 25
3.1. Soft law fra teoria delle fonti e teoria della interpretazione: dalla dottrina pura del diritto al pluralismo giuridico 25
3.2. (Segue) Pluralismo giuridico e soft law 33
4. Teorie relative ad un sistema delle fonti inclusivo della soft law 36
Capitolo II
Poteri normativi delle Autorità indipendenti e soft law
1. Delimitazione del campo di indagine 43
2. Autorità indipendenti: problemi definitori e classificatori 44
3. Il problematico reperimento del loro fondamento costituzionale 54
4. Il potere normativo delle Autorità indipendenti 62
4.1. Il potere normativo delle Autorità indipendenti: canoni identificativi 62
4.2. (Segue) I regolamenti delle Autorità amministrative indipendenti tra legittimità costituzionale e prassi 64
5. Il fondamento giustificativo dei poteri normativi delle Autorità amministrative indipendenti: tesi dottrinali a confronto 69
6. Tipologie degli atti normativi delle Autorità e indipendenza 75
6.1. Tipologie degli atti normativi delle Autorità e indipendenza: i regolamenti di autorganizzazione 75
6.2 (Segue) Le altre tipologie di atti normativi delle Autorità indipendenti 78
7. Qualche riflessione conclusiva sulle Autorità indipendenti, il loro potere
normativo e il sistema delle fonti 85
Capitolo III
Soft law e Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
1. Natura e funzioni dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato 91
2. Moral suasion e poteri di segnalazione 101
3. La legge n. 287 del 1990 fra prassi applicativa dell’AGCM, giurisprudenza e
dottrina 105
3.1. La legge n. 287 del 1990 nella prassi applicativa dell’AGCM e nella
giurisprudenza 105
3.2. (Segue) nel dibattito dottrinale 111
3.3. L’analisi della prassi applicativa dell’AGCM in tema di accettazione
degli impegni 118
3.4. La giurisprudenza in tema di accettazione di impegni 131
3.5. La prassi applicativa dell’AGCM in tema di moral suasion 134
4. Riflessioni conclusive su di una possibile funzione para-normativa e regolatoria dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato 136
Capitolo IV
Soft law e Autorità Nazionale Anticorruzione
1. Natura, funzioni e fondamento costituzionale dell’Autorità Nazionale Anticorruzione 139
2. La soft regulation dell’ANAC 146
2.1. La soft regulation dell’ANAC: profili generali 146
2.2. La soft regulation dell’ANAC nella nuova disciplina sugli appalti: profili procedurali nella formazione delle linee guida 149
3. Le linee guida al vaglio del Consiglio di Stato 158
3.1. Le linee guida al vaglio del Consiglio di Stato: la controversa natura di
quelle vincolanti fra atti di regolazione e regolamenti 158
3.2. (Segue) Le linee guida non vincolanti come esempio di soft law 164
3.3. Le altre fonti normative di ANAC alla luce delle innovazioni apportate
dal “decreto correttivo” n. 50 del 2017 167
4. Il controllo del giudice amministrativo sulle linee guida 170
4.1. Le opinioni della dottrina in merito al controllo del giudice amministrativo sulle linee guida 170
4.2. La più recente giurisprudenza relativa al controllo sulle linee guida 173
5. Riflessioni conclusive 178
Capitolo V
Soft law e Commissione di garanzia per l’attuazione della legge
sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali
1. Il “principio del contemperamento” nella giurisprudenza, nella legge n. 146
del 1990 e nella prassi interpretativa della Commissione di garanzia 183
2. Funzioni normative e paranormative della Commissione di garanzia 190
2.1. Funzioni normative e paranormative della Commissione di garanzia:
individuazione preliminare delle fonti, ruolo della Commissione nella
promozione degli accordi e regolamentazione provvisoria 190
2.2. (Segue) Gli accordi valutati positivamente dalla Commissione di garanzia: natura ed effetti 196
3. Altri atti paranormativi della Commissione di garanzia: la moral suasion
esercitata attraverso gli atti di valutazione del comportamento fra le parti, le
c.d. delibere di invito e di indirizzo 201
4. Funzione normativa e paranormativa della Commissione di garanzia e controllo giurisdizionale: il vincolo prodotto sull’attività del giudice dagli accordi, dalla regolamentazione provvisoria e dalle delibere di invito ex art. 13,
comma 1, della legge n. 146 del 1990 204
5. Riflessioni conclusive 210
Considerazioni finali
1. Teoria delle fonti, pluralismo giuridico e soft law 215
2. Riflessioni su un possibile sistema delle fonti inclusivo della soft law 217
3. Il potere normativo delle Autorità indipendenti e il sistema delle fonti 220
4. Considerazioni finali conclusive sulle funzioni normative, paranormative e
regolatorie di AGCM, ANAC e Commissione di Garanzia per lo sciopero
nei servizi pubblici essenziali 223
5. Riflessioni su limiti e controlli possibili all’espansione della soft law 227
6. Considerazioni di chiusura 230
Bibliografia 233

 

34,00 32,30

34,00 32,30

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com