Il tuo carrello

LIBRERIA E FORMAZIONE GIURIDICA

Sempre aggiornati con la newsletter

In offerta!

COOPERAZIONE GIUDIZIARIA E CORRUZIONE INTERNAZIONALE

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

autore: Gaetano De Amicis

editore: Giuffrè

anno di pubblicazione: 2007

pagine: 366

30,00 28,50

APPROFONDISCI

INDICE GENERALE
Presentazione di Alessandro Bernardi ………………… XIII
CAPITOLO PRIMO
IL GIUDICE PENALE NEL SISTEMA EUROPEO DELLE FONTI
1. L’espansione dei poteri del giudice penale nella società « globale ». 1
2. L’incidenza delle fonti normative del « III Pilastro » sulla « materia
penale » ……………………………… 7
3. Cooperazione giudiziaria e garanzie giurisdizionali . . . . . . . . . . 11
4. Il mutuo riconoscimento delle decisioni penali nella prospettiva di
una « comune » cultura giudiziaria europea. . . . . . . . . . . . . . . 17
5. Verso una nuova legalità penale? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
CAPITOLO SECONDO
I RAPPORTI TRA GLI ORGANI DELL’ACCUSA SUL TERRITORIO
DELL’UNIONE
1. Luci ed ombre del nuovo spazio giudiziario europeo . . . . . . . . . 27
2. La dimensione operativa dell’OLAF (Ufficio europeo per la lotta
antifrode) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
3. Segue:…dell’EUROPOL (Ufficio europeo di polizia). . . . . . . . . . . 33
4. Segue:…dell’EUROJUST (Unità europea di cooperazione giudiziaria). 35
5. L’insufficienza dell’attuale quadro dei rapporti tra Eurojust, Olaf ed
Europol, nella prospettiva della creazione di un pubblico ministero
europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
6. Qualche proposta per rendere più efficace il sistema delle relazioni
funzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
7. Verso l’istituzione di un pubblico ministero europeo . . . . . . . . . 44
CAPITOLO TERZO
LE FORME DI CONTRASTO DELLA CORRUZIONE INTERNAZIONALE
TRA TECNICHE DI TUTELA E STRUMENTI DI COOPERAZIONE
Sezione I
L’evoluzione della normativa convenzionale europea ed internazionale
1. Corruzione e criminalità economica: le risposte della comunità
internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
2. I modelli convenzionali elaborati dall’OCSE e dall’UE tra affinità e
disarmonie delle rispettive opzioni metodologiche . . . . . . . . . . 54
3. Gli strumenti di contrasto della corruzione internazionale nell’ambito del Consiglio d’Europa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
4. L’art. 280 del Trattato di Amsterdam e le successive iniziative
avviate in sede comunitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
5. Le divergenze tra i vari sistemi convenzionali . . . . . . . . . . . . . 66
6. Una prospettiva di assimilazione « globale »: la Convenzione ONU
contro la corruzione internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Sezione II
L’attuazione degli obblighi internazionali nell’ordinamento italiano
1. Il « doppio volto » della fattispecie incriminatrice dell’art. 322-bis
c.p.: la corruzione « comunitaria » e la corruzione « internazionale ». .. . 73
2. Il rafforzamento della tutela penale attraverso l’introduzione del
nuovo modello di responsabilità da reato degli enti collettivi . . . . 86
3. La c.d. confisca « per equivalente ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
4. Verso un nuovo modello di incriminazione: la corruzione nel settore
privato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
5. L’istituzione dell’ufficio dell’Alto Commissario per la prevenzione
ed il contrasto della corruzione nella pubblica amministrazione . . 108
CAPITOLO QUARTO
PROFILI DEL SISTEMA ITALIANO DI ASSISTENZA GIUDIZIARIA
PENALE
1. Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
2. Oggetto dell’assistenza giudiziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
3. Le fonti dell’assistenza giudiziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
4. Le rogatorie passive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
5. Le rogatorie attive. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
6. Condizioni dell’assistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
7. Il principio della doppia incriminabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
8. Atti di giurisdizione diretta all’estero . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
9. L’utilizzazione dei risultati delle rogatorie . . . . . . . . . . . . . . . 142
10. Traduzione degli atti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
11. Mezzi di impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
12. Le « buone prassi » nell’assistenza giudiziaria penale . . . . . . . . . 155
13. Il mandato europeo di ricerca delle prove . . . . . . . . . . . . . . . 156
CAPITOLO QUINTO
LE ROGATORIE IN MATERIA DI INDAGINI BANCARIE
E FINANZIARIE
1. La dimensione internazionale della criminalità organizzata e la
progressiva espansione della cooperazione giudiziaria in materia di
indagini bancarie e finanziarie: l’evoluzione del quadro normativo. 163
2. Le condizioni e i limiti dell’assistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
3. La Convenzione di Strasburgo dell’8 novembre 1990 sul riciclaggio,
la ricerca, il sequestro e la confisca dei proventi di reato: i principi
del modello convenzionale e la loro attuazione nell’ordinamento
italiano. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
4. Le nuove frontiere della cooperazione giudiziaria: il principio del
mutuo riconoscimento delle decisioni penali straniere . . . . . . . . 204
5. Il Protocollo in materia di indagini bancarie e finanziarie della
Convenzione di Bruxelles del 29 maggio 2000, relativa all’assistenza
giudiziaria penale tra gli Stati membri dell’Unione europea, sottoscritto a Lussemburgo il 16 ottobre 2001. . . . . . . . . . . . . . . . . 210
6. La Decisione quadro del Consiglio dell’Unione europea in materia
di riciclaggio di denaro, individuazione, rintracciamento, congelamento, sequestro e confisca degli strumenti e dei proventi di reato . . . .. . 219
7. La Decisione quadro del Consiglio dell’Unione europea sul « congelamento » dei beni da sottoporre a sequestro o confisca. . . . . . 226
8. La confisca di beni, strumenti e proventi del reato nella Decisione
quadro del Consiglio dell’Unione europea del 24 febbraio 2005 . . 232
9. Il reciproco riconoscimento degli ordini di confisca nella Decisione
quadro del Consiglio dell’Unione europea del 6 ottobre 2006: verso
un sistema europeo del diritto penale patrimoniale? . . . . . . . . . 235
10. La collaborazione giudiziaria nel settore delle misure di prevenzione patrimoniale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
CAPITOLO SESTO
LA CONVENZIONE ONU SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA
TRANSNAZIONALE: VERSO UNA COOPERAZIONE « GLOBALE »?
1. Il quadro convenzionale: sintesi delle principali novità . . . . . . . . 255
2. La definizione del crimine transnazionale. . . . . . . . . . . . . . . . 260
3. L’aggravante ad effetto speciale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
4. I poteri del Ministro della giustizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
5. Le informazioni al Parlamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
6. Il trasferimento dei procedimenti penali . . . . . . . . . . . . . . . . 265
7. La confisca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
8. La responsabilità delle persone giuridiche per crimini transnazionali .. . . . 269
9. Il nuovo reato di « intralcio alla giustizia » . . . . . . . . . . . . . . . 271
10. Le disposizioni in materia di armi da fuoco. . . . . . . . . . . . . . . 272
11. Le operazioni « sotto copertura ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
CAPITOLO SETTIMO
IL COORDINAMENTO DELLE INDAGINI SUI REATI
TRANSNAZIONALI
1. Considerazioni introduttive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
2. Criminalità transnazionale e cooperazione giudiziaria: l’esigenza
del coordinamento investigativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
3. L’oggetto dell’indagine transnazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
4. Il principio del coordinamento investigativo nell’evoluzione del
quadro normativo internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
5. Il coordinamento « interistituzionale »: A) Il Magistrato di collegamento; B) La Rete giudiziaria europea; C) L’EUROJUST; D) L’OLAF;
E) l’EUROPOL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
6. Il coordinamento « operativo »: A) La « spontanea trasmissione
delle informazioni »; B) Le squadre investigative comuni; C) Consegne sorvegliate e operazioni di infiltrazione o « sotto copertura »;
D) Osservazioni transfrontaliere (cross-border observations) . . . . 324
CAPITOLO OTTAVO
NE BIS IN IDEM E DIVIETO DI AZIONI MULTIPLE
NELL’UE: IL RUOLO DI EUROJUST
NELLA PREVENZIONE E COMPOSIZIONE DEI CONFLITTI
DI GIURISDIZIONE
1. Le c.d. « guide-lines » nei conflitti di giurisdizione e il ruolo di
EUROJUST. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
2. Il carattere informale e non vincolante dei criteri di prevenzione e
risoluzione dei conflitti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
3. Le forme della c.d. « giurisdizione concordata » . . . . . . . . . . . . 350
4. I limiti dell’attuale quadro normativo e le ricadute sul principio
dell’obbligatorietà dell’azione penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352
5. La « costituzionalizzazione » del principio del ne bis in idem europeo e l’interpretazione della Corte di giustizia . . . . . . . . . . . . . 355
6. Le prospettive legate al Libro Verde della Commissione europea sui
conflitti di giurisdizione e il principio del ne bis in idem nei procedimenti penali  . 358
Appendice: Schemi di rogatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361

30,00 28,50

30,00 28,50

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com