Il tuo carrello

In offerta!

DIRITTO COSTITUZIONALE COMPARATO DEI GRUPPI E DELLE MINORANZE

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

Tempi di spedizione 2/3 giorni lavorativi

Autore: Francesco Palermo – Jens Woelk

Editore:  Wolters Kluwer (CEDAM)

Anno di pubblicazione: 2021

Pagine:  404

32,00 30,40

APPROFONDISCI

Descrizione
Il volume è una guida al diritto delle differenze, sfida cruciale per le moderne società pluralistiche e parte imprescindibile del bagaglio tecnico del giurista contemporaneo.
Il testo illustra, con esempi giurisprudenziali e attenzione alla prassi, principi e regole a garanzia dei gruppi e delle minoranze etno-nazionali, culturali, linguistiche, religiose, di genere.
La prima parte del libro presenta in modo semplice e didatticamente efficace i diversi piani normativi e il sofisticato strumentario giuridico in materia di diversità, sullo sfondo di un quadro teorico unitario. Nella seconda si approfondiscono le tecniche normative e di interpretazione giurisprudenziale del diritto della (e alla) differenza, con particolare riferimento alla prassi internazionale, sovranazionale e comparata.
La terza parte è dedicata all’approfondimento di ordinamenti paradigmatici dei diversi approcci al tema della diversità.
La terza edizione, ampliata ed aggiornata, include nuovi materiali (normativa, giurisprudenza e letteratura), tiene conto dei recenti sviluppi e dedica maggiore attenzione a fenomeni di crescente importanza, quali le cd. “nuove” minoranze.
Indice
INDICE
Prefazione……………………………………………………………………. Pag.XIII
A mo’ di introduzione: il mito di Procuste……………………… » XVII
Parte I
IL QUADRO TEORICO
Capitolo Primo
cHi è MINORANZA e perchÉ? IL PROBLEMA DEFINITORIO
1. Gruppi e minoranze: il diritto delle differenze ………………….. Pag. 3
2. Tra giuridico e pre-giuridico: chi è minoranza?…………………. » 6
3. Il problema delle definizioni……………………………………………. » 10
4. Elementi costitutivi del concetto e distinzioni
terminologiche……………………………………………………………….. » 14
4.1. Elementi oggettivi e soggettivi …………………………………. » 14
4.2. Minoranze nazionali, etniche, linguistiche, religiose, di
genere……………………………………………………………………. » 15
4.3. Popoli indigeni ………………………………………………………. » 19
4.4. “Nuove” minoranze………………………………………………… » 24
4.5. Il territorio come variabile nella classificazione dei
gruppi?………………………………………………………………….. » 25
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 26
Capitolo Secondo
diritti e strumenti
1. Diritti delle minoranze come diritti fondamentali……………… Pag. 29
2. Macro-tipologie di diritti ………………………………………………… » 32
2.1. Non-discriminazione ………………………………………………. » 32
2.2. Diritti particolari…………………………………………………….. » 33
2.3. Diritti all’autogoverno…………………………………………….. » 35
3. Diritti individuali o diritti “collettivi”? …………………………….. » 38
250185_Quarta_Bozza.indb 5 27/05/21 4:15 PM
VI INDICE
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 40
Capitolo Terzo
il trattamento giuridico delle differenze:
modelli costituzionali comparati
1. I modelli di riferimento…………………………………………………… Pag. 43
2. Ordinamenti repressivi …………………………………………………… » 44
3. Ordinamenti liberali……………………………………………………….. » 47
3.1. L’impostazione statunitense e quella francese ……………. » 48
3.2. Un caso limite: il divieto di partiti etnici, nazionali,
religiosi………………………………………………………………….. » 50
4. Ordinamenti promozionali ……………………………………………… » 53
5. Ordinamenti multinazionali e la democrazia consociativa
etnica…………………………………………………………………………….. » 58
6. Il carattere dinamico degli strumenti e dei modelli ……………. » 68
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 69
Capitolo Quarto
Le stagioni della tutela minoritaria
1. Le cinque “stagioni” ………………………………………………………. Pag. 73
2. L’era di Westfalia e i tre approcci originari ……………………….. » 74
3. L’era del Congresso di Vienna: nazionalismo e primi trattati. » 77
4. Il periodo tra le due guerre mondiali ……………………………….. » 79
5. L’epoca della guerra fredda …………………………………………….. » 81
6. Dopo il 1989 e la fase attuale…………………………………………… » 83
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 87
Capitolo Quinto
il regime internazionale e sovranazionale di tutela
e la sua costituzionalizzazione
1. I principali documenti internazionali……………………………….. Pag. 89
2. La dimensione della sicurezza: il ruolo dell’OSCE…………….. » 92
3. La dimensione della democratizzazione: il ruolo del Consiglio
d’Europa……………………………………………………………………….. » 96
3.1. La Carta europea delle lingue regionali o minoritarie…. » 97
250185_Quarta_Bozza.indb 6 27/05/21 4:15 PM
INDICE VII
3.2. La Convenzione Quadro per la protezione delle
minoranze nazionali………………………………………………… » 99
4. La dimensione dell’integrazione: l’Unione europea e le
minoranze ……………………………………………………………………… » 106
5. La costituzionalizzazione delle norme internazionali in tema
di minoranze………………………………………………………………….. » 114
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 117
Parte II
DIRITTI “SPECIALI”
Capitolo Sesto
LA rappresentanza politica DELLE MINORANZE
1. Premesse concettuali………………………………………………………. Pag. 123
2. Riconoscimento ed esclusione …………………………………………. » 126
2.1. Esclusione in base alla cittadinanza ………………………….. » 126
2.2. Esclusione “difensiva”…………………………………………….. » 129
2.3. Il problema dell’identificazione dei gruppi e della
“legittima esclusione”……………………………………………… » 131
3. Gli strumenti elettorali……………………………………………………. » 133
3.1. Sistemi elettorali proporzionali………………………………… » 135
3.2. Sistemi elettorali maggioritari ………………………………….. » 140
3.3. La rappresentanza politica garantita…………………………. » 143
3.4. Strumenti e meccanismi in ambito regionale e locale …. » 148
3.5. Diritti di veto …………………………………………………………. » 149
4. Rappresentanza in organi esecutivi, giurisdizionali e
consultivi ………………………………………………………………………. » 150
4.1. Rappresentanza garantita negli esecutivi …………………… » 151
4.2. Rappresentanza in organismi giudiziari…………………….. » 154
4.3. Rappresentanza in organismi consultivi ……………………. » 155
5. Un diritto alla partecipazione politica effettiva?………………… » 157
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 159VIII INDICE
Capitolo Settimo
L’autogoverno dei gruppi e Le sue forme
1. L’autogoverno della diversità e l’arte del compromesso……… Pag. 163
2. Strumenti non territoriali………………………………………………… » 165
2.1. L’autonomia personale o culturale: origini e ambiti……. » 165
2.2. Chi vi appartiene?…………………………………………………… » 170
3. Autonomia territoriale ……………………………………………………. » 172
3.1. Basi giuridiche e modelli costituzionali …………………….. » 173
3.2. I poteri autonomi e la loro integrazione ……………………. » 177
4. La cooperazione transfrontaliera……………………………………… » 181
5. “Voice or Exit”: autonomia vs. secessione? ……………………….. » 184
6. “Each case is different”?…………………………………………………… » 189
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 190

Capitolo Ottavo
I diritti linguistici e dell’istruzione
1. La lingua come criterio distintivo……………………………………. Pag. 193
2. … e il suo riconoscimento giuridico…………………………………. » 196
2.1. Sfera pubblica e privata…………………………………………… » 197
2.2. Una disciplina multilivello……………………………………….. » 200
3. La dimensione collettiva dei diritti linguistici: l’ambito
pubblico………………………………………………………………………… » 205
3.1. Principio territoriale e principio personale ……………….. » 205
3.2. La toponomastica …………………………………………………… » 206
3.3. L’uso della lingua nei confronti delle autorità
amministrative e giudiziarie …………………………………….. » 207
4. Il diritto all’istruzione della e nella madrelingua ……………….. » 212
4.1. Gli standard internazionali………………………………………. » 212
4.2. I modelli scolastici ………………………………………………….. » 215
4.3. Sistematica dei diritti all’istruzione…………………………… » 219
5. I media ………………………………………………………………………….. » 220
6. Conclusioni……………………………………………………………………. » 222
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 223INDICE IX
Capitolo Nono
I diritti religiosi
1. La genesi del fenomeno minoritario attraverso il fattore
religioso e il pendolo della secolarizzazione………………………. Pag. 227
1.1. Il fattore storico e la nascita dello Stato occidentale …… » 227
1.2. Il pendolo della religione tra il XIX e il XXI secolo…… » 229
2. I modelli e la necessità di riconoscimento…………………………. » 232
3. Ordinamenti confessionali………………………………………………. » 234
4. Ordinamenti indifferenti (“agnostici”) …………………………….. » 238
5. Ordinamenti promozionali (concordatari)………………………… » 245
6. Ordinamenti multiconfessionali ………………………………………. » 251
7. La nuova centralità del fattore religioso……………………………. » 253
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 255
Capitolo Decimo
NUOVE MINORANZE E società inclusive
1. Fattori soggettivi e oggettivi…………………………………………….. Pag. 259
2. Cosa significa integrazione e in cosa differisce da altri
approcci? ………………………………………………………………………. » 262
3. Per un nuovo concetto di integrazione delle società ………….. » 266
4. Una questione di strumenti……………………………………………… » 271
4.1. Quali strumenti?…………………………………………………….. » 272
4.2. La chiave della partecipazione …………………………………. » 275
5. Tutela delle minoranze o gestione delle diversità?……………… » 277
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 278
Parte III
CASI DI STUDIO:
ORDINAMENTI PARADIGMATICI
Capitolo Undicesimo
Un Ordinamento liberale “agnostico”: gli Stati Uniti
TRA desegregazione razziale E AZIONI POSITIVE
1. Introduzione………………………………………………………………….. Pag. 283
2. La white nation e i primi casi segregazionisti…………………….. » 284

X INDICE
3. Dopo la guerra civile: la lotta giurisprudenziale e normativa
alla segregazione……………………………………………………………. » 288
4. … e il suo fallimento: separati ma uguali ………………………….. » 289
5. Disfranchisements e superamento della segregazione: separati
è sempre ineguale …………………………………………………………… » 292
6. La stagione delle affirmative actions e i test di scrutinio……… » 299
7. Lo stato attuale: il ritorno ad una (nuova) indifferenza………. » 304
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 309
Capitolo Dodicesimo
Un ordinamento promozionale: La tutela
delle minoranze in Italia
1. Introduzione………………………………………………………………….. Pag. 311
2. L’asimmetrica costituzione delle minoranze dell’ordinamento
italiano ………………………………………………………………………….. » 313
3. Le fonti. La differenziazione come regola…………………………. » 315
3.1. L’art. 6 della Costituzione e la sua diretta applicabilità.. » 317
3.2. La legge 482 del 1999……………………………………………… » 318
3.3. La legislazione statale e regionale e la “competenza” per
la tutela delle minoranze tra Stato e Regioni ……………… » 322
4. I diversi gradi di tutela ……………………………………………………. » 328
4.1. Le minoranze “superprotette” …………………………………. » 328
4.2. Le minoranze riconosciute a tutela eventuale ……………. » 337
4.3. Le minoranze non riconosciute………………………………… » 338
5. Strumenti e livelli di tutela, tra uguaglianza e differenza…….. » 339
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 342
Capitolo Tredicesimo
UN ORDINAMENTO MULTINAZIONALE: la bosnia
erzegovina NEL CONTESTO BALCANICO
1. Inquadramento e profili storici………………………………………… Pag. 345
1.1. I Balcani e l’Europa: i Balcani come l’Europa?………….. » 345
1.2. Le esperienze jugoslave e il “federalismo etnico” di
matrice comunista…………………………………………………… » 347
2. Il pluralismo sociale e territoriale oggi ……………………………… » 349
2.1. La transizione e le diverse tipologie emerse dai conflitti
etnici……………………………………………………………………… » 349

INDICE XI
2.2. Il diverso rapporto fra territorio ed etnia ………………….. » 351
2.3. Gli ordinamenti di tipo promozionale………………………. » 353
3. La Bosnia Erzegovina come Stato multinazionale ……………… » 357
3.1. L’Accordo di Dayton………………………………………………. » 357
3.2. Uno Stato federale “gemello” ………………………………….. » 359
3.3. “Divide et impera”: la democrazia consociativa etnica… » 360
3.4. Un’importante cesura: la sentenza sui popoli costitutivi » 364
3.5. Il parere della Commissione di Venezia (2005)………….. » 368
3.6. La giurisprudenza della Corte europea dei diritti
dell’uomo ………………………………………………………………. » 370
4. Una via d’uscita? L’integrazione europea………………………….. » 373
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 376
conclusioni e prospettive
Come governare la diversità
1. Dalla tutela delle minoranze al governo delle differenze…….. Pag. 379
2. Democrazia vs Stato di diritto? Regole ed eccezioni ………….. » 383
3. Il diritto delle differenze e gli strumenti di gestione della
complessità ……………………………………………………………………. » 386
Bibliografia essenziale …………………………………………………………… » 390
A mo’ di postfazione: le sette regole del nazionalismo …………….. » 393
Sitografia …………………………………………………………………………….. » 395

32,00 30,40

32,00 30,40

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com