Il tuo carrello

In offerta!

DIRITTO INTERNAZIONALE

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

EDITORE : GIAPPICHELLI EDITORE

AUTORE : ENZO CANNIZZARO

ANNO : 2020/11

PAG. : 545

46,00 43,70

APPROFONDISCI

indice

Questo libro intende descrivere, a fini prevalentemente didattici, l’ordinamento internazionale attraverso lo studio delle sue funzioni fondamentali.
Esso si propone di contribuire all’inquadramento giuridico del processo di
trasformazione in atto nel diritto internazionale: un fenomeno in gran parte misterioso che sembra talora sfuggire, nella sua dimensione sistematica e
nelle sue implicazioni tecniche, alle metodologie dell’analisi giuridica.
* * *
L’idea di scrivere un libro dedicato alla ricostruzione degli aspetti generali dell’ordinamento internazionale si è lentamente fatta strada nella mia
mente nel corso di vari anni. Essa si è nutrita soprattutto delle attività di
ricerca svolte nell’ambito di un progetto sui poteri funzionali degli Stati e
sul ruolo della proporzionalità. In quel periodo, ormai risalente nel tempo,
ho lungamente riflettuto sulle varie forme attraverso le quali l’ordinamento
internazionale provvede all’espletamento delle sue funzioni fondamentali:
la funzione normativa, il controllo sull’uso della forza, la soluzione delle
controversie. Se tradizionalmente queste funzioni venivano svolte in forma
decentrata, attraverso l’azione unilaterale degli Stati, si può oggi cogliere
una tendenza a realizzare forme di gestione istituzionale. La tensione fra
l’esercizio decentralizzato e l’esercizio istituzionale di funzioni dell’ordinamento segna quindi l’intero percorso argomentativo di questo libro.
A questo tema di fondo sono riconducibili una serie di altri itinerari concettuali che ho seguito in tempi più recenti.
Il primo riguarda l’evoluzione in corso nella composizione della società
internazionale. Ai protagonisti tradizionali delle dinamiche politiche dell’ordinamento, gli Stati, si affiancano oggi vari altri soggetti: in primo luogo soggetti istituzionali, gestori di interessi collettivi; in secondo luogo soggetti individuali, portatori di interessi propri, sovente contraddittori con quelli statali, e titolari di un crescente numero di rapporti giuridici internazionali.
Questa evoluzione si riflette quindi nella varietà delle forme di produzione e di legittimazione del diritto internazionale. La complessa
XVIII Premessa
composizione della società internazionale rende obsolete le concezioni
che individuano nel consenso degli Stati il motore immobile dell’ordinamento. Parte di questo libro è quindi dedicata alle modifiche intervenute nei processi di produzione e di ricambio del diritto, che riflettono, a propria volta, l’evoluzione delle dinamiche sociali della comunità
internazionale.
Un ulteriore fattore di ispirazione di questo libro è dato dalla mutevole
dinamica degli interessi e valori dell’ordinamento. Il diritto internazionale
odierno è dominato dall’esigenza di comporre la tradizionale forma bilateralista dei rapporti giuridici internazionali con lo sviluppo di una sfera di
interessi e valori di carattere collettivo o universale, quali i diritti e gli obblighi che incombono sugli individui. Questa esigenza nasce invero dall’evoluzione del mondo giuridico internazionale, tradizionalmente caratterizzato dalla contrapposizione fra interessi egoistici degli Stati, e oggi sempre
più marcatamente influenzato dall’esistenza di interessi generali.
Questi sparsi fili, tessuti nel corso di una riflessione pluriennale, sembrano quindi annodarsi nella ricostruzione dell’ordinamento internazionale come struttura di governo della comunità mondiale.
La redazione di questo libro mi ha ulteriormente convinto che le tradizionali categorie del diritto internazionale, proprie di un mondo giuridico
assai semplice, si rivelino inadeguate a disciplinare le ben più complesse
dinamiche sociali odierne. Il diritto internazionale contemporaneo sembra
sorretto da una pluralità di fattori di legittimazione: il consenso degli Stati;
l’assetto reale del potere politico di ciascuno di essi; l’attività delle istituzioni internazionali; la percezione comune di valori condivisi da parte delle
comunità di individui.
È dalla composizione fra questi fattori, verosimilmente, che scaturiscono le regole che assicurano il governo della comunità mondiale. Nell’analisi di questo fenomeno risiede, forse, il contributo di questo libro all’intenso dibattito sulla capacità dell’ordinamento internazionale di assicurare tale funzione, talvolta indicata sinteticamente con la formula della costituzionalizzazione del diritto internazionale.
* * *
Ho scritto questo libro in costante interazione con il dibattito scientifico, consentita dal clima di apertura intellettuale che caratterizza il nostro
tempo. Varie delle tesi che suggerisco sono state quindi discusse, nel corso
di eventi culturali o di conversazioni private, con studiosi e colleghi, in Italia e all’estero. Ad essi, collettivamente, vorrei indirizzare un sentimento di
gratitudine.
Premessa XIX
Nonostante le varie edizioni succedutesi nel tempo, questo libro continua a presentare – ne sono consapevole – una serie di manchevolezze, che
riflettono esclusivamente la mia personalità e i miei limiti. Alcune di esse
potranno, forse, trovare rimedio in futuro, nella progressiva realizzazione
di un progetto intellettuale destinato a non trovare mai fine.
Al termine di ciascuna parte, il lettore rinverrà degli itinerari bibliografici. Li ho costruiti senza ambizione di completezza, del resto di impossibile realizzazione nella presente fase storica, caratterizzata dal primato dei
criteri quantitativi di valutazione dei prodotti scientifici.
Vorrei, nel chiudere una ulteriore tappa di questo progetto, ricordare il
contributo che ad esso è venuto dalla mia attività didattica, nella quale ho
trasfuso energia e passione. Agli studenti delle varie Università e Istituzioni
culturali presso le quali ho operato desidero indirizzare la mia gratitudine
per aver costantemente stimolato la mia riflessione e scosso le mie certezze.
Roma, Università, agosto 2020

46,00 43,70

46,00 43,70

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com