Il tuo carrello

IL DIRITTO DEI CONSUMATORI

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

autore: Cassano-Dona-Torino

editore: Giuffrè

anno di pubblicazione: 2021

pagine: 1151

APPROFONDISCI

l diritto dei consumatori

a cura di Giuseppe Cassano – Massimiliano Dona – Raffaele Torino

Il sistema normativo di garanzie per il consumatore, in continua evoluzione anche per rispondere adeguatamente alle spinte di tutela derivanti dai cambiamenti che l’era digitale impone, vede quale suo ultimo tassello la Direttiva UE 2020/1828, relativa alle azioni rappresentative a tutela degli interessi collettivi dei consumatori, ponendo così un freno alle pratiche illecite e alle conseguenze dannose per il consumatore.

Nel solco tracciato da tale ultimo intervento normativo si pone il presente volume che, nell’intento di offrire al lettore soluzioni pratiche alle questioni maggiormente dibattute, ripercorre l’evoluzione del sistema del consumerismo dalla sua nascita fino ai giorni nostri, caratterizzati, questi ultimi, dall’epocale evento della pandemia da Covid-19.

E così la tutela del consumatore nella legislazione emergenziale è affrontata in questo volume con riguardo ai settori del turismo, dei trasporti e dello spettacolo, ai contratti di ospitalità e soggiorno fino a trattare il caso delle scuole private, nonché i profili connessi all’incentivazione degli strumenti alternativi di soluzione delle controversie.

Il quadro normativo di riferimento, sia europeo che nazionale, e i più recenti interventi pretori in materia fanno, poi, da filo conduttore per l’analisi dei profili contrattuali e, ancora, della figura del consumatore quale turista, viaggiatore ma anche acquirente di prodotti difettosi.

A completare il quadro vi è l’analisi della disciplina del consumatore online, dei settori delle comunicazioni elettroniche, dei prodotti alimentari, dei servizi bancari assicurativi e finanziari e della concorrenza.

INDICE SOMMARIO
Prefazione di Guido Alpa ……………………………. . V Gli autori ……………………………………. . XXIII CAPITOLO 1
LA NASCITA DEL CONSUMERISMO
di Massimiliano Dona
1. Prima del consumerismo………………………….. . 1
2. Nasce oltreoceano un nuovo protagonista del mercato ………….. . 3
3. Consumatori di automobili ………………………… . 5
4. Politica ed economia si accorgono del consumatore ……………. . 8
5. La protezione dei consumatori in Europa …………………. . 12
6. Il consumerismo in Italia e le prime associazioni di consumatori …….. . 16
7. Dalla legge n. 281/1998 al codice del consumo………………. . 18
8. Il ruolo del consumerismo al giorno d’oggi ………………… . 21
CAPITOLO 2
LA NORMATIVA COMUNITARIA
di Sara Perugini
1. La Carta europea del Consiglio d’Europa del 1973 e la Risoluzione sui diritti deiconsumatori del 1975 …………………………… . 27
2. Il diritto dei consumatori nell’esperienza dei Trattati europei ………. . 32
3. Le fasi di evoluzione delle politiche europee a tutela dei consumatori ….. . 35
4. L’evoluzione del mercato digitale e la qualificazione dei dati come corrispettivo
contrattuale nell’ambito del New Deal for Consumers……………. . 41
5. Il pacchetto di modernizzazione del diritto dei consumatori: la c.d. direttiva
Omnibus ………………………………….. . 45
CAPITOLO 3
LA TUTELA DEL CONSUMATORE: PROFILI COSTITUZIONALI
di Davide De Lungo
1. Il quadro costituzionale: cenni introduttivi e profili comparatistici…….. . 53
2. La dimensione “individuale” della tutela del consumatore: natura e struttura dei
diritti dei consumatori …………………………… . 55
3. La dimensione “sistemica” della tutela del consumatore: forma di Stato, ordinegiuridico del mercato e politiche pubbliche ………………… . 59
IX
CAPITOLO 4
EVOLUZIONE NORMATIVA NAZIONALE E CODICE DEL CONSUMO
di Sara Perugini
1. L’evoluzione della normativa nazionale in materia di tutela del consumatore . . 65
2. Il dibattito della dottrina sull’utilizzo del termine codice …………. . 73
3. Il codice del consumo tra codificazione e decodificazione…………. . 76
4. Impianto sistematico del codice del consumo e prospettive di riforma ….. . 81
CAPITOLO 5
LE FONTI PRIMARIE SETTORIALI. ANALOGIE E DIFFERENZE
CON LA TUTELA DEL CODICE DEL CONSUMO
di Angelo Maria Rovati
1. Osservazioni generali ……………………………. . 93
2. Un’ipotesi particolare di relazione tra normativa generale e settoriale: l’art. 23,
lett. m) del Codice del consumo ……………………… . 98
CAPITOLO 6
TUTELA DEL CONSUMATORE E LEGISLAZIONE EMERGENZIALE
IN PERIODO DI PANDEMIA. BREVI NOTE
di Giovanna Capilli
1. Pandemia e legislazione emergenziale …………………… . 101
2. L’impatto delle regole emergenziali sulla tutela dei consumatori ……… . 103
2.1. Settore turismo e trasporti ……………………… . 104
2.2. Il settore dello spettacolo………………………. . 107
2.3. Il caso delle scuole private ……………………… . 108
3. L’incentivazione degli strumenti alternativi delle controversie quale soluzione alle
controversie sorte in periodo di pandemia e non solo …………… . 109
CAPITOLO 7
PROFILI SOGGETTIVI DELLA TUTELA
di Claudia Mariani
1. La figura del Consumatore e del Professionista tra dato normativo ed evoluzione
giurisprudenziale ……………………………… . 113
1.1. Le fonti ……………………………….. . 113
1.2. Il consumatore come agente di razionalità del Mercato ………. . 115
1.3. La definizione di Consumatore e Professionista …………… . 117
1.4. La tutela inibitoria e amministrativa ………………… . 122
1.5. Il Consumatore anziano ………………………. . 125
2. I contratti di gioco e scommessa come contratti del consumatore …….. . 128
2.1. Il gioco e la scommessa nel codice civile ………………. . 128
2.2. Il gioco e la scommessa nel codice penale ……………… . 130
2.3. Il gioco e scommessa pubblici ……………………. . 131
2.4. Il gioco e la scommessa tra le esigenze di ordine pubblico interno, la
protezione dei consumatori/giocatori e le libertà fondamentali garantite
dall’Unione ……………………………… . 133
2.5. L’applicazione della disciplina consumeristica al gioco e scommessa … .136
CAPITOLO 8
LA RELAZIONE NEGOZIALE
di Giovanni Adamo
1. La relazione negoziale …………………………… . 145
1.1. La tutela del contraente debole e l’evoluzione della disciplina …… . 145
1.2. Il rapporto di consumo ……………………….. . 152
1.3. L’evoluzione della tutela del contraente debole …………… . 157
2. Il diritto fondamentale all’informazione ………………….. . 163
2.1. Le informazioni ai consumatori …………………… . 163
2.2. L’informazione nello specifico caso del contratto concluso a distanza e la
disciplina speciale del commercio elettronico ……………. . 168
3. La tutela precontrattuale tra codice civile e codice del consumo……… . 173
3.1. La responsabilità precontrattuale, il diritto all’autodeterminazione dei consumatori e l’educazione del consumatore………………. . 173
3.2. L’informazione precontrattuale …………………… . 177
4. Le pratiche commerciali scorrette. Disciplina, casi e questioni ………. . 181
4.1. La pratica commerciale come fattispecie autonoma di illecito……. . 188
5. La tutela nelle moderne modalità di contatto. Il telemarketing ………. . 191
5.1. Inquadramento normativo e nuove casistiche ……………. . 191
5.2. Il telemarketing …………………………… . 195
6. Il c.d. “collegamento negoziale” nei contratti del consumatore………. . 200
6.1. Il credito al consumo ………………………… . 204
CAPITOLO 9
LE CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO.
IL CONTRATTO DEL CONSUMATORE: LE CLAUSOLE VESSATORIE
ED IL DIRITTO DI RECESSO
di Bruno Tassone e Nicola Russo
Sezione I. – Il contratto del consumatore. Profili generali
1. Introduzione………………………………… . 216
2. L’evoluzione normativa del contratto del consumatore. Le condizioni generalidicontratto e le clausole abusive ………………………. . 220
2.1. (Segue): i contratti negoziati fuori dai locali commerciali e i contratti conclusi
a distanza ………………………………. . 223
2.2. Il rapporto tra il codice del consumo e il codice civile ……….. . 225
Sezione II. – Le condizioni generali di contratto e i contratti conclusi mediante moduli e
formulari del codice civile
3. Le condizioni generali di contratto …………………….. . 227
3.1. I requisiti delle condizioni generali di contratto: la generalità e la predisposizione unilaterale …………………………… . 228
3.2. (Segue): la conoscenza e la conoscibilità ……………….. . 230
3.3. Le clausole vessatorie disciplinate dall’art. 1341 del codice civile ….. . 231
3.4. (Segue): le singole clausole elencate dal codice civile…………. . 234
3.5. I contratti conclusi mediante moduli o formulari…………… . 241
Sezione III. – Le clausole vessatorie. Profili sostanziali e rimedi civilisti
4. Le clausole vessatorie nel codice del consumo. L’ambito di applicazione .243
4.1. La nozione di clausola vessatoria: la buona fede e il significativo squilibrio.247
4.2. Le clausole vessatorie fino a prova contraria: la c.d. lista grigia …… . 249
4.3. L’accertamento della vessatorietà …………………… . 255
4.4. (Segue): le ipotesi di esclusione della vessatorietà. Le clausole c.d. dichiarative e la trattativa individuale …………………….. . 258
4.5. L’interpretazione delle clausole ……………………. . 262
4.6. La nullità di protezione ……………………….. . 264
4.7. La c.d. «lista nera» delle clausole vessatorie……………… . 268
4.8. L’azione inibitoria ………………………….. . 270
4.9. La tutela amministrativa contro le clausole vessatorie ………… . 275
Sezione IV . – Il recesso
5. Il diritto di recesso nel codice civile e nel codice del consumo………. . 276
5.1. Le caratteristiche ed i tempi del recesso nel codice del consumo ….. . 278
5.2. L’informazione sul diritto di recesso …………………. . 281
5.3. Le modalità di esercizio e gli effetti del ripensamento ………… . 283
5.4. (Segue): gli obblighi del professionista e del consumatore………. . 285
5.5. Le eccezioni al diritto di recesso …………………… . 288
CAPITOLO 10
LA TUTELA DEL CONSUMATORE “TURISTA”
di Jacopo Liguori, Veronica Muratori
1. I pacchetti turistici e i servizi turistici collegati del d.lgs. 21 maggio 2018, n. 62. 295
1.1. La direttiva (UE) n. 2015/2302 relativa ai pacchetti turistici e ai servizi
turistici ……………………………….. . 296
1.2. Il recepimento in Italia della direttiva n. 2015/2302 UE ………. . 298
2. Definizioni ed ambito applicativo……………………… . 298
2.1. Il pacchetto turistico ………………………… . 298
2.2. Obblighi informativi e contenuto del contratto di pacchetto turistico . . .304
2.3. La forma del contratto di pacchetto turistico ……………. . 308
2.4. Le modifiche del contratto di pacchetto turistico ………….. . 310
2.5. Il diritto di recesso …………………………. . 311
3. I servizi turistici “collegati” ………………………… . 313
3.1. Definizione di servizi turistici collegati ……………….. . 313
3.2. Obblighi informativi ………………………… . 315
4. I profili di responsabilità dell’organizzatore e i diritti del consumatore ….. . 316
4.1. Dal concetto di “mancato o inesatto adempimento” al “difetto di
conformità” …………………………….. . 316
4.2. La responsabilità dell’organizzatore …………………. . 317
4.3. Il risarcimento del danno………………………. . 319
4.4. La responsabilità del venditore …………………… . 323
4.5. La responsabilità per l’inadempimento di servizi prestati da “altri
fornitori” ………………………………. . 326
4.6. Obblighi assicurativi e di protezione in caso di insolvenza o fallimento . . 328
5. Sistema sanzionatorio……………………………. . 329
6. Profili giurisprudenziali ………………………….. . 331
6.1. Sugli obblighi informativi ……………………… . 331
6.2. Sulla responsabilità di organizzatore e venditore ………….. . 336
6.3. Sulla responsabilità degli ausiliari o dei terzi ……………. . 337
CAPITOLO 11
LA TUTELA DEL CONSUMATORE IN ALCUNI PECULIARI
SERVIZI DI RESIDENZA TURISTICA ED OSPITALITÀ
di Enzo Maria Tripodi
Sezione I. – Considerazioni introduttive: il codice del turismo. Le imprese turistiche e le
strutture ricettive
1. Premessa ………………………………….. . 342
2. Il codice del turismo ……………………………. . 342
3. Le disposizioni generali ………………………….. . 344
4. Il (complicato) rapporto Stato-Regioni sulla regolazione del turismo …… . 346
5. La sentenza della Corte costituzionale n. 80/2012 …………….. . 349
6. Il turismo “accessibile” (e il correlativo diritto?) ……………… . 353
7. Le imprese turistiche ……………………………. . 356
8. Il demanio marittimo e gli stabilimenti balneari. Un mero cenno …….. . 358
9. Il mercato e le strutture ricettive ……………………… . 359
10. (Segue): le disposizioni comuni per le strutture ricettive………….. . 366
Sezione II. – Alcuni particolari servizi di residenza turistica ed ospitalità
11. L’albergo diffuso ……………………………… . 367
12. Condhotel …………………………………. . 370
12.1. Finalità ……………………………….. . 370
12.2. La disciplina legislativa dei Condhotel: il decreto “Sbocca Italia”….. . 371
12.3. Il ricorso alla Consulta da parte delle province autonome ……… . 373
12.4. Il d.P.C.M. 22 gennaio 2018, n. 13: questioni generali ……….. . 377
12.5. (Segue): la rimozione del vincolo di destinazione e l’attuazione compiuta
della disciplina ……………………………. . 383
12.6. (Segue): l’adeguamento da parte delle Regioni……………. . 384
13. Bed and breakfast ……………………………… . 385
13.1. Introduzione …………………………….. . 385
13.2. I servizi minimi …………………………… . 386
13.3. Le principali differenze regionali ………………….. . 387
13.4. Ulteriori obblighi ………………………….. . 389
13.5. Altre questioni ……………………………. . 390
13.6. (Segue): la somministrazione di alimenti e bevande agli ospiti……. . 391
13.7. (Segue): attività di bed and breakfast nei condomini ………… . 392
14. Home sharing ……………………………….. . 395
15. Social eating e Home restaurant ………………………. . 397
15.1. Premessa ………………………………. . 397
15.2. Prime indicazioni disciplinari ……………………. . 398
15.3. I tentativi di una disciplina del fenomeno ……………… . 401
15.4. La somministrazione di alimenti e bevande …………….. . 407
Sezione III. – Elementi utili alla costruzione della tutela
16. Introduzione………………………………… . 408
17. Il contratto di albergo …………………………… . 409
17.1. Definizione e oggetto ………………………… . 409
17.2. Le parti ……………………………….. . 413
17.3. La forma ………………………………. . 413
17.4. Perfezionamento del contratto……………………. . 414
17.5. La prenotazione alberghiera …………………….. . 415
17.6. Obblighi delle parti …………………………. . 418
17.7. Recesso e risoluzione dal contratto …………………. . 420
17.8. La valutazione del danno………………………. . 421
18. Segue: alcune responsabilità “tipiche” dell’albergatore…………… . 422
18.1. Responsabilità dell’albergatore per le cose dei clienti………… . 422
18.2. La responsabilità civile e penale …………………… . 425
18.3. (Segue): a proposito del concetto di “abitazione” ………….. . 426
18.4. Adempimenti di pubblica sicurezza …………………. . 427
19. Adempimenti relativi al trattamento dei dati personali ………….. . 428
20. Le prenotazioni “telematiche”: a proposito di Booking e Tripadvisor…… . 431
20.1. Booking……………………………….. . 431
20.2. TripAdvisor …………………………….. . 437
21. Bed and breakfast ……………………………… . 441
22. Condhotel …………………………………. . 443
23. Home restaurant (e ristorazione) ……………………… . 443
23.1. Considerazioni preliminari: somministrazione e ristorazione…….. . 443
23.2. Diritti del cliente(-consumatore) delle attività di ristorazione ……. . 446
24. Il danno da vacanza rovinata ……………………….. . 453
24.1. Breve sintesi delle questioni …………………….. . 453
24.2. Il danno da vacanza rovinata nel codice del turismo ………… . 455
24.3. (Segue): la quantificazione del danno ………………… . 460
25. Cenni sulle conseguenze della pandemia da Coronavirus (COVID-19) sui contratti di ospitalità e soggiorno ……………………….. . 463
CAPITOLO 12
LA TUTELA DEL CONSUMATORE-VIAGGIATORE
di Bruno Tassone e Greta Costanza
1. Introduzione………………………………… . 469
2. Il regolamento (CE) 261/2004 a tutela dei passeggeri aerei ………… . 473
2.1. Il diritto alla compensazione pecuniaria ………………. . 476
2.2. Il diritto al rimborso o all’imbarco su un volo alternativo ……… . 480
2.3. Il diritto all’assistenza ………………………… . 483
2.4. La sistemazione in classe superiore o inferiore …………… . 486
2.5. Il risarcimento supplementare ……………………. . 487
2.6. Il diritto dei passeggeri ad essere informati …………….. . 489
2.7. Il negato imbarco ………………………….. . 491
2.8. La cancellazione del volo e le circostanze che escludono la compensazione. 493
2.9. Il ritardo ………………………………. . 496
2.10. Il carattere “imperativo” del regolamento (CE) 261/2004, la giurisdizione e
la decadenza …………………………….. . 498
3. Il regolamento (CE) n. 1371/2007: i diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario. 501
3.1. Il diritto all’informazione ………………………. . 505
3.2. Persone con disabilità e a mobilità ridotta ……………… . 506
3.3. Responsabilità del vettore ……………………… . 509
3.4. Indennizzo e assistenza in caso di ritardo, soppressione e perdita di
coincidenze……………………………… . 513
3.5. Reclami e applicazione del regolamento ………………. . 520
4. Il regolamento (CE) n. 1177/2010: i diritti dei passeggeri marittimi ……. . 523
4.1. I diritti delle persone con disabilità e a mobilità ridotta ………. . 525
4.2. Il diritto all’informazione ………………………. . 527
4.3. I diritti dei passeggeri in caso di cancellazione o ritardo………. . 529
4.4. Il diritto alla compensazione pecuniaria e le cause di esclusione ….. . 533
4.5. Reclami e risarcimento di ulteriori danni………………. . 536
5. Il regolamento (UE) n. 181/2011 relativo ai diritti dei passeggeri nel trasporto
effettuato con autobus …………………………… . 537
5.1. I diritti dei passeggeri con disabilità o a mobilità ridotta ai sensi del
regolamento (UE) n. 181/2011 …………………… . 539
5.2. I diritti dei passeggeri in caso di cancellazione e ritardo ………. . 541
6. Considerazioni conclusive …………………………. . 543
CAPITOLO 13
LA RESPONSABILITÀ PER DANNO DA PRODOTTI DIFETTOSI
di Giovanni Adamo
1. La responsabilita` per danno da prodotti difettosi …………….. . 547
1.1. Le origini ……………………………… . 550
1.2. Le garanzie offerte dal codice civile ………………… . 550
1.2.1. La responsabilità contrattuale ………………… . 550
1.2.2. La responsabilità extracontrattuale ……………… . 552
1.3. La giurisprudenza in soccorso del consumatore …………… . 553
1.3.1. Il problema …………………………. . 553
1.3.2. L’adattamento dell’art. 2043 c.c ………………. . 554
1.3.3. L’applicazione degli artt. 2049, 2050 e 2051 c.c ………. . 557
2. L’attuazione della normativa europea nel diritto italiano …………. . 559
2.1. L’approvazione della direttiva ……………………. . 559
2.1.1. I progetti…………………………… . 559
2.1.2. L’approvazione ……………………….. . 560
2.1.3. Provvedimenti successivi in diritto UE……………. . 561
2.2. Il recepimento nell’ordinamento italiano ………………. . 561
2.2.1. Il concorso di azioni …………………….. . 562
2.2.2. I rischi per l’armonizzazione ………………… . 564
2.3. L’applicazione ……………………………. . 566
2.3.1. L’iniziale diffidenza……………………… . 566
2.3.2. La progressiva accettazione …………………. . 567
3. La natura della responsabilita` del produttore e l’onere della prova ……. . 568
3.1. La natura della responsabilità ……………………. . 568
3.1.1. L’ipotesi della responsabilità oggettiva ……………. . 569
3.2. L’onere della prova …………………………. . 574
3.2.1. La prova del difetto …………………….. . 575
3.2.2. La prova del nesso di causalità ……………….. . 577
3.2.3. Prova contraria ……………………….. . 579
4. La nozione di prodotto, di produttore e di difetto…………….. . 579
4.1. Il prodotto ……………………………… . 579
4.1.1. La messa in circolazione …………………… . 580
4.2. Il produttore …………………………….. . 581
4.3. Il difetto ………………………………. . 583
4.3.1. I parametri di valutazione del difetto ……………. . 584
4.3.2. Categorie di difetti ……………………… . 589
5. Il danno risarcibile e le limitazioni di responsabilita` ……………. . 591
5.1. Il danno risarcibile …………………………. . 591
5.1.1. Danni alle persone ……………………… . 591
5.1.2. Il danno provocato alle cose ………………… . 593
5.2. L’azione del consumatore ……………………… . 593
5.2.1. Legittimazione attiva …………………….. . 593
5.2.2. Legittimazione passiva ……………………. . 594
5.2.3. Termini per agire ………………………. . 596
5.3. Le limitazioni di responsabilità …………………… . 597
5.3.1. Clausole di esonero di responsabilità…………….. . 599
5.3.2. Concorso di colpa del danneggiato……………… . 600
6. Profili giurisprudenziali ………………………….. . 601
6.1. Responsabilità del produttore per danno da prodotti alimentari difettosi601
6.1.1. Il caso Olanlat (Cass. 30 agosto 1991, n. 9277) ………. . 601
6.1.2. Il caso F.lli Saclà (Cass. 10 luglio 2014, n. 15824) ……… . 603
6.2. Responsabilità del produttore per danno da prodotti medici difettosi . .603
6.2.1. I danni cagionati da trasfusioni ed emoderivati difettosi ….. . 603
6.2.2. Dispositivi medici difettosi …………………. . 605
CAPITOLO 14
LA TUTELA DEL CONSUMATORE ONLINE
di Claudio Di Maio
1. Gli atti di consumo online…………………………. . 611
2. La pubblicità online ……………………………. . 617
3. La disciplina generale dei contratti del consumatore e consumo online ….. . 622
4. Gli specifici obblighi informativi precedenti la conclusione del contratto online. 625
5. La raccolta dei dati del consumatore online………………… . 629
6. Il divieto di geoblocking e la tutela del consumatore ……………. . 636
7. La vendita e l’acquisto di servizi digitali e di prodotti digitali ………. . 640
CAPITOLO 15
LA TUTELA DEL CONSUMATORE DI PRODOTTI ALIMENTARI
di Raffaele Torino
2. La salubrità dei prodotti alimentari: rischio, controlli e responsabilità ….. . 649
2.1. Le responsabilità nei confronti di altri operatori della filiera alimentare .650
2.2. Profili penalistici…………………………… . 657
3. Informazione e conoscenza dei prodotti alimentari ……………. . 659
3.1. L’etichettatura dei prodotti alimentari ……………….. . 660
3.2. Promozione e claim dei prodotti alimentari …………….. . 663
3.2.1. I claim nutrizionali e salutistici ……………….. . 664
3.2.2. I claim sull’origine del prodotto ………………. . 675
4. Le responsabilità nei confronti del consumatore ……………… . 683
CAPITOLO 16
GARANZIE LEGALI DI CONFORMITÀ E GARANZIE COMMERCIALI
NELLA VENDITA DEI BENI DI CONSUMO
di Giovanna Capilli
1. Garanzie nella vendita dei beni di consumo: ambiti di applicazione……. . 687
2. Beni non conformi e responsabilità del venditore …………….. . 696
3. La tutela e i diritti del consumatore ……………………. . 701
4. Le differenze tra la garanzia legale e convenzionale ……………. . 712
CAPITOLO 17
LA TUTELA CONSUMERISTA DELLA PSD E DELLA PSD 2
di Alessandro Benincampi
1. La tutela consumerista della PSD e della PSD 2 ……………… . 721
2. Le fonti normative e profili soggettivi della disciplina …………… . 735
3. La trasparenza delle condizioni e i requisiti informativi per i servizi di pagamento. 743
4. I diritti e gli obblighi relativi alla prestazione e all’uso dei servizi di pagamento. 754
5. Responsabilità e rimedi ………………………….. . 762
CAPITOLO 18
LA TUTELA SPECIALE NEL SETTORE BANCARIO,
FINANZIARIO E ASSICURATIVO
di Antonio Dell’Osso
1. Premessa ………………………………….. . 777
2. Le fonti normative primarie e secondarie nel settore bancario. La trasparenza
bancaria in fase precontrattuale in generale (cenni) ……………. . 778
2.1. (Segue) la trasparenza e la correttezza in fase precontrattuale nel credito ai
consumatori …………………………….. . 788
3. La tutela dei consumatori nei provvedimenti dell’arbitro bancario finanziario:casie questioni …………………………………. . 811
4. La tutela dei consumatori in fase precontrattuale nel settore finanziario …. . 818
5. La tutela del cliente in fase precontrattuale nel settore assicurativo (cenni)… . 828
6. La tutela dei consumatori nei provvedimenti dell’Arbitro per le Controversie
Finanziarie: casi e questioni ………………………… . 833
CAPITOLO 19
L’ACCESSO AL CREDITO DEL CONSUMATORE
di Gian Paolo Guarnieri
1. L’accesso al credito del consumatore. Strumenti e tutele …………. . 845
2. Rimedi specifici in materia di credito ai consumatori …………… . 855
3. La Mortgage Credit Directive ed il credito immobiliare ai consumatori ….. . 860
4. L’anatocismo l’usura e il sovraindebitamento ……………….. . 872
CAPITOLO 20
IL CONSUMATORE ACQUIRENTE DI IMMOBILE DA COSTRUIRE
di Flaviano Peluso e Marta Fernandes Dos Santos
1. L’acquisto di immobili “sulla carta” e in costruzione: introduzione ……. . 887
2. L’ambito di applicazione del d.lgs. n. 122/2005. Il profilo soggettivo tra acquirente, consumatore e costruttore ……………………… . 890
2.1. (Segue) il profilo oggettivo: l’immobile da costruire…………. . 893
2.2.1. (Segue) il permesso di costruire nella delimitazione dell’ambito
temporale di applicazione del d.lgs. n. 122/2005 ………. . 897
3. Le fattispecie negoziali ammesse ……………………… . 899
3.1. (Segue) il contenuto del contratto preliminare ……………. . 901
4. I diritti speciali. La fideiussione bancaria …………………. . 904
4.1. (Segue) l’escussione della fideiussione………………… . 907
4.1.1. La polizza assicurativa ……………………. . 910
4.2. Il diritto di prelazione ……………………….. . 912
5. L’allargamento della tutela per l’acquirente. L’obbligo di cancellazione o frazionamento dell’ipoteca antecedente alla compravendita …………… . 914
5.1. Esenzioni e limiti alla revocatoria fallimentare……………. . 915
5.2. Il fondo di solidarietà ………………………… . 917
CAPITOLO 21
LE AUTORITÀ DI VIGILANZA. COMPETENZE E LIMITI
di Angelo Maria Rovati
1. Il quadro normativo europeo e nazionale: disciplina generale e di settore … . 923
2. Le norme di conflitto tra la disciplina generale e quelle speciali ……… . 928
3. La procedura di infrazione n. 2013/2169 e la mancata attuazione della direttiva n.
2005/29 nel settore delle comunicazioni elettroniche …………… . 930
4. L’ordinanza di rimessione e la pronuncia dell’Adunanza plenaria 9 febbraio 2016,
n. 3 …………………………………….. . 933
5. L’ordinanza di rimessione del Consiglio di Stato alla Corte di giustizia n.
168/2017 ………………………………….. . 937
6. Le decisioni della Corte di giustizia nelle cause riunite C‑54/17 e C‑55/17 in
materia di tutela del consumatore nel mercato delle comunicazioni elettroniche e
nelle cause riunite da C‑406/17 a C‑408/17 e C-417/17 nel mercato dell’energia
elettrica e del gas naturale …………………………. . 940
7. Le pronunce del Consiglio di Stato di recepimento della giurisprudenza della
Corte di giustizia ……………………………… . 942
8. Il parere obbligatorio e non vincolante delle Autorità di regolazione ex art.27,
comma 1-bis, del Codice del consumo…………………… . 946
CAPITOLO 22
I SISTEMI ADR
di Giovanna Capilli
1. Negoziazione e mediazione ………………………… . 949
2. I metodi di risoluzione alternativa delle controversie in Italia prima del d.lgs.
28/2010 ………………………………….. . 955
3. L’istituto della mediazione civile e commerciale nel panorama giuridico italiano.
Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 e il d.m. n. 180/2010 ……… . 957
4. Lo sviluppo delle online dispute resolution: ODR …………….. . 961
5. Le ADR per i consumatori e la riforma del 2015……………… . 964
6. I sistemi ADR nel settore bancario e finanziario: ABF e ACF ………. . 971
6.1. L’Arbitro bancario e finanziario (ABF)……………….. . 971
6.2. L’Arbitro per le controversie finanziarie (ACF) …………… . 978
6.3. L’arbitro per le controversie assicurative (ACA) ………….. . 980
CAPITOLO 23
LA COMUNICAZIONE NEL CONSUMERISMO
di Simone Bonavita
1. Il consumerismo sulla carta stampata, in radio e Tv. Le class action e le nuove
tecnologie …………………………………. . 987
2. La monetizzazione dei dati ………………………… . 990
3. Il ruolo dei media nelle scelte del consumatore ……………… . 991
4. L’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria …………………. . 992
5. L’Autodisciplina pubblicitaria: i rischi di una comunicazione non omogena sul
territorio europeo: il caso di Poltronesofà …………………. . 995
6. Gli influencers e la comunicazione commerciale riconoscibile ………. . 997
7. La comunicazione istituzionale delle Autorità di vigilanza ………… . 1002
8. La comunicazione delle associazioni dei consumatori …………… . 1007
CAPITOLO 24
AUTORITÀ DI VIGILANZA (ENFORCEMENT) PER LA TUTELA
DEI CONSUMATORI CON LE AZIONI ESERCITABILI
di Alfonso Contaldo e Francesca Zambuco
1. Le carte dei servizi e la loro funzione consumeristica …………… . 1011
1.1. Le caratteristiche della qualità dei servizi ……………… . 1015
1.2. Le carte dei servizi ed il decreto-legge cd. liberalizzazioni ……… . 1016
2. Le criticità delle competenze delle Autorità di regolazione di settore …… . 1017
3. Le competenze in via generale della AGCM ……………….. . 1019
4. Rapporti con le norme di settore e autorità incaricate del relativo enforcement . 1022
5. Le pratiche commerciali scorrette: brevi cenni ………………. . 1025
5.1. Gli elementi costitutivi della fattispecie come declinati dalle Autorità e dallagiurisprudenza amministrativa ……………………. . 1026
6. Le sanzioni amministrative ………………………… . 1028
6.1. I criteri di irrogazione delle sanzioni ………………… . 1029
6.2. Il procedimento presupposto dell’irrogazione della sanzione ……. . 1031
7. La direttiva Omnibus e gli effetti sull’enforcement …………….. . 1033
7.1. Le novità introdotte dalla direttiva Omnibus ……………. . 1034
8. Conclusioni ………………………………… . 1036
CAPITOLO 25
TUTELA SPECIALE NEL SETTORE
DELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE
di Gilberto Nava e Luca Tomazzoli
1. La tutela del contraente debole nel settore delle comunicazioni elettroniche . . . 1042
1.1. Il contratto nel settore delle comunicazioni elettroniche e le parti: alcune
preliminari precisazioni ……………………….. . 1044
1.2. L’evoluzione delle tutele previste dalle prime direttive europee sulla fornitura di servizi di comunicazione elettronica …………….. . 1047
1.3. La direttiva Servizio Universale …………………… . 1049
1.4. L’implementazione nell’ordinamento interno ……………. . 1056
1.5. Il Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, il modello sintetico di
contratto di cui al regolamento 2019/2243 e il ruolo del BEREC …. . 1058
2. Gli interventi specifici del legislatore nazionale ………………. . 1064
2.1. Le tutele previste dal c.d. Decreto Bersani……………… . 1066
2.2. Lo ius variandi degli operatori e le conseguenze delle modifiche unilaterali
del contratto …………………………….. . 1071
2.3. Le norme sulla cadenza di rinnovo e fatturazione dell’offerta e il relativo
contenzioso……………………………… . 1074
2.4. La recente introduzione di nuove norme a tutela degli utenti (art. 7-bis d.l.
28/2020) ………………………………. . 1079
3. L’attuazione in sede regolamentare. I principali interventi regolamentari di
AGCOM in materia di trasparenza dell’informativa e qualità dei servizi e soluzione delle controversie ………………………….. . 1081
3.1. Il regolamento n. 519/15/CONS ………………….. . 1081
3.2. La qualità dei servizi ………………………… . 1084
4. Il travagliato rapporto tra disciplina speciale per il settore delle comunicazioni
elettroniche e il codice del consumo ……………………. . 1089
4.1. La normativa generale e speciale in materia di tutela dei consumatori . . . 1091
4.2. Brevi cenni sugli indirizzi giurisprudenziali in altri settori regolati …. . 1094
4.3. Le sentenze dell’Adunanza Plenaria del 2012 ……………. . 1096
4.4. Il primo tentativo del Legislatore di definire la competenza sanzionatoria a
tutela dei consumatori/utenti nei mercati regolati………….. . 1100
4.5. L’avvio della procedura di infrazione da parte della Commissione europea. 1101
4.6. La seconda modifica legislativa (art. 27, par. 1-bis, del codice del consumo).1103
4.7. La seconda Adunanza Plenaria: il revirement ……………. . 1105
4.8. Gli orientamenti della Commissione europea per l’attuazione/applicazione
della direttiva n. 2005/29/CE ……………………. . 1107
4.9. Il rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia ……………. . 1109
4.10. Le conclusioni dell’Avvocato generale ……………….. . 1111
4.11. La Sentenza della Corte di Giustizia ………………… . 1114
4.12. La sentenza del Consiglio di Stato e i problemi applicativi …….. . 1117
4.13. Il Codice europeo delle comunicazioni elettroniche ………… . 1120
4.14. La competenza di AGCOM ad applicare il regolamento (UE) n. 2019/1150. 1122
CAPITOLO 26
IL CONSUMATORE NEL DIRITTO DELLA CONCORRENZA
di Andrea Montanari
1. La concorrenza nel diritto dell’Unione europea ……………… . 1127
2. Consumatore e interesse alla competitività del mercato. Critica dell’impostazione
prevalente …………………………………. . 1129
3. Concorrenza e protezione del consumatore. Concorrenza e diritto dei contratti . 1134
4. Contratto e competition on the merits: le pratiche commerciali sleali …… . 1137
5. La tutela della scelta del consumatore …………………… . 1139
Indice analitico …………………………………. . 1149

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com