Il tuo carrello

LIBRERIA E FORMAZIONE GIURIDICA

Sempre aggiornati con la newsletter

In offerta!

LA BANCAROTTA E GLI ALTRI REATI FALLIMENTARI

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

autore: Renato Bricchetti-Luca Pistorelli

editore: Giappichelli

anno di pubblicazione: 2017

45,00 42,75

APPROFONDISCI

CAPITOLO 1 SOGGETTI DELLA BANCAROTTA
1. Introduzione ………………………………………………………………………………………………. 1
1.1. Bancarotta propria e impropria…………………………………………………… 1
1.2. Bancarotta societaria ……………………………………………………………………. 2
2. Soggetti della bancarotta propria………………………………………………………….. 3
2.1. Imprenditore individuale ……………………………………………………………… 3
2.2. Soci illimitatamente responsabili di s.n.c. e s.a.s…………………….. 6
3. Soggetti della bancarotta impropria……………………………………………………… 9
3.1. Amministratori, direttori generali, sindaci e liquidatori…………. 9
3.2. Institore dell’imprenditore…………………………………………………………… 11
4. Bancarotta come reato « proprio » ………………………………………………………. 11
5. Concorso di persone nella bancarotta …………………………………………………. 12
5.1. Concorso dell’extraneus ………………………………………………………………. 12
5.2. Concorso del professionista………………………………………………………… 16
6. Amministratore di fatto……………………………………………………………………………. 18
6.1. Contorni della figura……………………………………………………………………… 18
6.2. Titolo in forza del quale risponde del reato……………………………… 22
6.3. Rapporto con l’amministratore di diritto ………………………………….. 23
6.4. Responsabilità dell’amministratore di diritto …………………………… 24
7. Concorso di amministratori e sindaci nella bancarotta ……………………. 27
7.1. Concorso dell’amministratore mediante azione…………………….. 27
7.2. Concorso dell’amministratore mediante omissione ……………… 28
7.2.1. Posizione di garanzia dell’amministratore: dovere
impeditivo …………………………………………………………………………. 28
7.2.2. Obbligo di valutare l’attività di gestione agendo in
modo informato ………………………………………………………………. 30
7.2.3. Conoscenza del fatto di reato in itinere……………………… 31
7.2.4. Poteri impeditivi ………………………………………………………………. 32
7.2.5. Rapporto di causalità tra inerzia e reato …………………….. 33
7.2.6. Dolo dell’omittente …………………………………………………………. 34
7.3. Concorso del sindaco……………………………………………………………………. 36
7.3.1. Poteri e doveri del sindaco ……………………………………………. 36
7.3.2. Poteri e doveri del sindaco delle “quotate”……………….. 38
7.3.3. Natura del controllo esercitato dai sindaci………………… 40
7.3.4. Responsabilità per concorso omissivo del sindaco….. 41
Schema n. 1: Bancarotta e soggetti attivi ……………………………………………………….. 46
CAPITOLO 2 FATTI DI BANCAROTTA
SEZIONE I BANCAROTTA FRAUDOLENTA PATRIMONIALE
(ART. 216, COMMA PRIMO, N. 1)
1. Introduzione ………………………………………………………………………………………………. 49
1.1. Bancarotta fraudolenta (patrimoniale, documentale e preferenziale) e semplice (patrimoniale e documentale) ………………. 49
1.2. Bene giuridico tutelato…………………………………………………………………. 49
1.3. Reato di pericolo……………………………………………………………………………. 52
1.4. Bancarotta “riparata”…………………………………………………………………….. 53
2. Condotta……………………………………………………………………………………………………… 56
2.1. Distruzione ……………………………………………………………………………………… 64
2.1.1. Sottrazione di bene in leasing………………………………………. 67
2.1.2. Sottrazione di bene comprato con riserva della
proprietà ……………………………………………………………………………. 68
2.2. Occultamento ………………………………………………………………………………… 70
2.3. Dissimulazione……………………………………………………………………………….. 71
2.4. Dissipazione ……………………………………………………………………………………. 73
2.5. Distrazione………………………………………………………………………………………. 75
2.5.1. Distrazione come destinazione di un bene a uno
scopo diverso da quello doveroso……………………………….. 75
2.5.2. Distrazione come estromissione di un bene dal patrimonio senza adeguata contropartita………………………….. 77
2.5.3. Distrazione nelle operazioni infragruppo …………………… 80
2.5.4. Ulteriore casistica ……………………………………………………………. 96
2.6. Esposizione e riconoscimento di passività inesistenti…………… 106
2.7. Fungibilità delle condotte ……………………………………………………………. 107
2.8. Disavanzo: sottrazione come risultato positivo o come prova
induttiva delle indagini …………………………………………………………………. 110
2.8.1. Disavanzo ingiustificato …………………………………………………. 110
2.8.2. Certezza della preesistenza del bene …………………………. 112
3. Oggetto materiale della condotta …………………………………………………………. 115
3.1. Beni di provenienza lecita……………………………………………………………. 115
3.1.1. Beni dell’imprenditore…………………………………………………….. 115
3.1.2. Avviamento commerciale ……………………………………………… 117
3.1.3. Beni affidati al fallito………………………………………………………… 120
3.1.4. Beni non compresi nel fallimento………………………………… 122
3.2. Beni di provenienza illecita………………………………………………………….. 123
3.2.1. Punibilità incondizionata dei fatti di distrazione ………. 124
3.2.2. Punibilità dei soli fatti di distrazione aventi ad oggetto beni fungibili… 126
3.2.3. Punibilità dei soli fatti di distrazione aventi ad oggetto beni il cui titolo di acquisto sia meramente
annullabile…………………………………………………………………………. 126
4. Elemento psicologico ………………………………………………………………………………. 128
4.1. Dolo generico…………………………………………………………………………………. 128
4.2. Dolo specifico…………………………………………………………………………………. 131
5. Rapporti con altri reati……………………………………………………………………………… 132
5.1. Bancarotta fraudolenta patrimoniale e truffa………………………….. 132
5.2. Bancarotta fraudolenta patrimoniale e furto…………………………… 133
5.3. Bancarotta fraudolenta patrimoniale e appropriazione
indebita ……………………………………………………………………………………………. 133
5.4. Bancarotta fraudolenta patrimoniale e sottrazione di beni
pignorati…………………………………………………………………………………………… 135
5.5. Bancarotta fraudolenta patrimoniale e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte……………………………………………… 137
5.6. Bancarotta fraudolenta patrimoniale e ricettazione o
riciclaggio………………………………………………………………………………………… 138
6. Pene accessorie ………………………………………………………………………………………… 138
6.1. Opinione dominante: durata fissa e inderogabile di dieci anni 138
6.2. Diversa opinione…………………………………………………………………………….. 139
Schema n. 2: Bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma primo
n. 1, l. fall.) …………………………………………………………………………………………………………. 142
SEZIONE II BANCAROTTA FRAUDOLENTA DOCUMENTALE
(ART. 216, COMMA PRIMO, N. 2)
7. Condotta……………………………………………………………………………………………………… 143
7.1. Bancarotta fraudolenta documentale “specifica” ………………….. 145
7.1.1. Distruzione………………………………………………………………………… 145
7.1.2. Sottrazione ……………………………………………………………………….. 146
7.1.3. Omessa tenuta…………………………………………………………………. 146
7.1.4. Falsificazione…………………………………………………………………….. 147
7.2. Bancarotta fraudolenta documentale “generale” ………………….. 149
7.2.1. Impossibilità di ricostruzione………………………………………… 150
7.2.2. Ricostruzione realizzata aliunde…………………………………… 150
7.2.3. Omessa tenuta della contabilità…………………………………… 153
7.2.4. Differenze dalla bancarotta semplice documentale 154
8. Oggetto materiale della condotta …………………………………………………………. 154
9. Elemento psicologico ………………………………………………………………………………. 158
10. Rapporti con altri reati……………………………………………………………………………… 162
10.1. Bancarotta fraudolenta documentale e frodi fiscali ………………. 162
10.2. Bancarotta fraudolenta documentale e falsità in atti ……………. 163
Schema n. 3: Bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma
primo n. 2, l. fall.) ……………………………………………………………………………………………… 164
SEZIONE III BANCAROTTA PREFERENZIALE
11. Condotta……………………………………………………………………………………………………… 165
11.1. Esecuzione di pagamenti…………………………………………………………….. 169
11.1.1. Pagamenti…………………………………………………………………………. 169
11.1.2. Amministratore che “paga” debiti che la società ha
verso di lui…………………………………………………………………………. 173
11.1.3. Amministratore che restituisce ai soci a) conferimenti in denaro o versamenti in conto capitale; b)
finanziamenti……………………………………………………………………. 176
11.1.4. Pagamento “coattivo” ……………………………………………………. 178
11.2. Simulazione di titoli di prelazione …………………………………………………………. 179
11.2.1. Opinioni dottrinali sul termine “simulazione” …………… 179
11.2.2. Giurisprudenza sul punto ………………………………………………. 180
11.3. Pagamenti, atti e garanzie non soggetti ad azione revocatoria……… 181
12. Elemento psicologico ………………………………………………………………………………. 183
13. Concorso del creditore favorito……………………………………………………………… 186
Schema n. 4: Bancarotta fraudolenta preferenziale (art. 216, comma terzo
l. fall.) ………………………………………………………………………………………………………………….. 194
SEZIONE IV BANCAROTTA FRAUDOLENTA IMPROPRIA (ART.
223)
14. Altri casi di bancarotta fraudolenta « impropria »: fatti previsti da
disposizioni penali « societarie » (art. 223, comma secondo, n. 1).. 195
14.1. Precedente disposizione incriminatrice …………………………………… 195
14.1.1. Figura autonoma di reato………………………………………………. 196
14.1.2. Reato di pericolo presunto ……………………………………………. 197
14.1.3. Disposizioni penali societarie richiamate …………………… 201
14.1.4. Disposizioni penali societarie non incluse …………………. 210
14.2. Nuova disposizione incriminatrice…………………………………………….. 214
14.2.1. Fattispecie autonoma di reato ……………………………………… 215
14.2.2. Bancarotta da reato societario come reato di evento
(il dissesto) ………………………………………………………………………… 215
14.2.3. Natura recettizia del richiamo delle disposizioni penali societarie……………………………………………………………………. 220
14.2.4. I soggetti attivi della bancarotta da reato societario 221
14.2.5. Disposizioni penali societarie richiamate …………………… 221
14.2.6. Il richiamo ai “fatti” di cui alle disposizioni penali societarie richiamate…………………………………………………………… 232
14.2.7. Funzione e praticabilità degli innesti………………………… 234
14.2.8. Disposizione di cui all’art. 223, comma secondo, n.
1: speciale rispetto a quella prevista dal n. 2…………… 235
14.2.9. Rapporto tra la bancarotta da reato societario e la
bancarotta fraudolenta patrimoniale ……………………….. 237
14.2.10. Considerazioni conclusive…………………………………………… 240
14.3. Continuità normativa tra vecchie e nuove disposizioni………… 241
15. Causazione del fallimento della società con dolo o per effetto di
operazioni dolose (art. 223, comma secondo n. 2) …………………………… 248
15.1. Condotta………………………………………………………………………………………….. 248
15.1.1. Dissesto cagionato con dolo………………………………………. 248
15.1.2. Dissesto per effetto di operazioni dolose………………… 250
15.2. Evento: il fallimento………………………………………………………………………. 255
15.3. Elemento psicologico …………………………………………………………………… 256
SEZIONE V BANCAROTTA SEMPLICE PATRIMONIALE
16. Condotta……………………………………………………………………………………………………… 258
16.1. Spese personali o familiari eccessive………………………………………… 259
16.2. Operazioni di pura sorte o manifestamente imprudenti………. 260
16.3. Operazioni di grave imprudenza per ritardare il fallimento….. 262
16.4. Aggravamento colposo del dissesto …………………………………………. 263
16.5. Inosservanza di obbligazioni concordatarie…………………………….. 265
17. Elemento psicologico ………………………………………………………………………………. 265
18. Pene accessorie. Riabilitazione………………………………………………………………. 267
Schema n. 5: Bancarotta semplice patrimoniale (art. 217, comma primo, l.
fall.) …………………………………………………………………………………………………………………….. 268
SEZIONE VI BANCAROTTA SEMPLICE DOCUMENTALE
19. Condotta……………………………………………………………………………………………………… 269
19.1. Oggetto materiale …………………………………………………………………………. 274
20. Elemento psicologico ………………………………………………………………………………. 276
Schema n. 6: Bancarotta semplice documentale (art. 217, comma secondo, l. fall.) …………………………………………………………………………………………………….. 279
SEZIONE VII BANCAROTTA SEMPLICE IMPROPRIA
21. Altri casi di bancarotta semplice « impropria » (art. 224, comma
primo, nn. 1 e 2). ……………………………………………………………………………………….. 280
21.1. Applicazione ad amministratori, direttori generali, sindaci e
liquidatori di società dichiarate fallite dell’art. 217, commi
primo e secondo……………………………………………………………………………. 280
21.2. Causazione colposa del dissesto………………………………………………… 281
CAPITOLO 3 TIPOLOGIA DELLA BANCAROTTA CON RIGUARDO
ALLA DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO
1. Sentenza dichiarativa di fallimento e atti ad essa equiparati ………….. 286
2. Sentenza dichiarativa di fallimento e bancarotta prefallimentare …. 287
2.1. Sentenza dichiarativa di fallimento come elemento costitutivo del reato di bancarotta prefallimentare secondo la giurisprudenza ………………………………………………………………………………………. 287
2.2. (Segue): … ma non è l’evento del reato…………………………………….. 290
2.3. (Segue): … e non è oggetto del dolo………………………………………….. 291
2.4. Critiche della dottrina …………………………………………………………………… 293
2.5. “Resistenze” della giurisprudenza……………………………………………… 294
2.6. Primi segnali di mutamento………………………………………………………… 296
2.7. Apparente revirement della giurisprudenza di legittimità ……. 297
2.8. Prime riflessioni sulle conseguenze ………………………………………….. 300
3. Sentenza dichiarativa di fallimento e bancarotta postfallimentare 303
3.1. Bancarotta fraudolenta patrimoniale postfallimentare…………. 303
3.2. Bancarotta fraudolenta documentale postfallimentare ……….. 304
3.3. Bancarotta preferenziale postfallimentare………………………………. 304
3.4. Sentenza dichiarativa di fallimento come presupposto della
condotta ………………………………………………………………………………………….. 305
3.5. Momento consumativo della bancarotta postfallimentare….. 306
4. Efficacia nel procedimento penale della sentenza dichiarativa di
fallimento……………………………………………………………………………………………………. 306
4.1. Nel vigore del c.p.p. 1930…………………………………………………………….. 306
4.2. Nel vigore dell’attuale c.p.p. ………………………………………………………… 308
4.3. Intervento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione……… 310
4.4. Reclamo avverso la sentenza dichiarativa di fallimento e sospensione del processo penale ………………………………………………….. 315
5. Art. 238 l. fall………………………………………………………………………………………………. 317
6. Curatore del fallimento ……………………………………………………………………………. 320
CAPITOLO 4 CIRCOSTANZE
1. Circostanze aggravanti speciali (art. 219, commi primo e secondo) 325
2. Danno patrimoniale di rilevante gravità cagionato dai fatti di cui agli
artt. 216, 217 e 218 (art. 219, comma primo) e danno patrimoniale
di speciale tenuità (art. 219, comma terzo) ………………………………………… 326
2.1. Circostanze “speciali” di natura oggettiva……………………………….. 326
2.2. Valutazione dell’entità del danno ………………………………………………. 327
2.3. Applicabilità alla bancarotta documentale ………………………………. 329
2.4. Applicabilità alla bancarotta impropria……………………………………… 330
2.5. Applicabilità della circostanza attenuante in caso di pericolo
di danno…………………………………………………………………………………………… 334
3. Pluralità di fatti tra quelli previsti dagli artt. 216, 217 e 218 (art. 219,
comma secondo n. 1)………………………………………………………………………………. 335
3.1. Concorso di reati disciplinato con lo strumento della circostanza aggravante …………………………………………………………………………. 336
3.2. Esclusione dell’operatività del divieto bis in idem………………….. 340
3.3. Esclusione dell’operatività del divieto della c.d. contestazione a catena………………………………………………………………………………… 342
3.4. Locuzione « più fatti tra quelli previsti in ciascuno degli articoli … »……………………………………………………………………………………………… 342
3.5. Applicabilità alla bancarotta impropria……………………………………… 347
3.6. Operatività limitata al singolo procedimento concorsuale…… 348
4. Esercizio abusivo di una impresa commerciale (art. 219, comma
secondo n. 2)……………………………………………………………………………………………… 350
CAPITOLO 5 ALTRI REATI FALLIMENTARI
1. Ricorso abusivo al credito (art. 218) ……………………………………………………… 351
1.1. Quadro normativo previgente…………………………………………………….. 351
1.2. Quadro normativo attuale……………………………………………………………. 352
2. Denuncia di creditori inesistenti ed altre inosservanze da parte del
fallito (artt. 220, 222, 226 e 227)…………………………………………………………… 356
3. Domande di ammissione di crediti simulati o distrazioni senza concorso col fallito (art. 232)…………………………………………………………………………. 363
3.1. Domande di ammissione di crediti simulati (art. 232, commi
primo e secondo)…………………………………………………………………………… 363
3.2. Ricettazione fallimentare (art. 232, comma terzo n. 1 e n. 2) 364
3.2.1. Ricettazione prefallimentare (n. 2)………………………………. 364
3.2.2. Ricettazione postfallimentare (n. 1)…………………………….. 367
4. Concordato preventivo, accordi di ristrutturazione con intermediari
finanziari e convenzione di moratoria (art. 236) ………………………………… 369
4.1. Abrogazione dell’amministrazione controllata……………………….. 369
4.2. Reato previsto nel comma primo dell’art. 236………………………… 370
4.3. Reati previsti nel comma secondo dell’art. 236 ……………………… 374
4.3.1. Soggetti attivi della bancarotta nel caso di concordato preventivo………………………………………………………………… 374
4.3.2. Bancarotta ed altri reati nel caso di concordato
preventivo …………………………………………………………………………. 382
5. Falso in attestazioni e relazioni (art. 236-bis) ……………………………………… 384
6. Liquidazione coatta amministrativa e amministrazione straordinaria …………………………………………………………………………………………………………………. 392
CAPITOLO 6 PAGAMENTI E OPERAZIONI “ESENTATI” DALL’APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI INCRIMINATRICI DELLA BANCAROTTA PREFERENZIALE E
DELLA BANCAROTTA SEMPLICE
1. Art. 217-bis …………………………………………………………………………………………………. 397
2. Natura giuridica dell’esenzione ……………………………………………………………… 399
3. Reati oggetto dell’esenzione………………………………………………………………….. 401
3.1. Bancarotta preferenziale……………………………………………………………… 401
3.2. Bancarotta semplice……………………………………………………………………… 402
3.3. Bancarotta impropria ……………………………………………………………………. 403
3.4. Reati esclusi dall’“esenzione”……………………………………………………… 403
4. Soluzioni concordate della crisi d’impresa e operatività dell’art.
217-bis ………………………………………………………………………………………………………… 404
4.1. Sindacato del giudice penale in caso di insuccesso del piano
attestato privato…………………………………………………………………………….. 405
4.2. Sindacato del giudice penale in caso di insuccesso del piano
oggetto dell’accordo omologato ex art. 182-bis…………………….. 406
4.3. Sindacato del giudice penale in caso di insuccesso del piano
oggetto del concordato preventivo…………………………………………… 407
4.4. Rapporti tra esenzione” e incriminazione delle falsità
dell’attestatore……………………………………………………………………………….. 408
5. Altri pagamenti ed operazioni non assoggettati ad azione revocatoria ai sensi dell’art. 67, comma terzo ………………………………………………… 411
Normativa e tabelle operative …………………………………………………………………………….. 413
Indice analitico……………………………………………………………………………………………………….. 425

45,00 42,75

45,00 42,75

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com