Il tuo carrello

In offerta!

LA TUTELA POSSESSORIA E NUNCIATORIA ASPETTI SOSTANZIALI E PROCESSUALI

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

autore: Alberto Celeste

editore: Giuffrè

anno di pubblicazione: 2021

pagine: 361

38,00 36,10

APPROFONDISCI

Il volume, dedicato alla tutela possessoria e nunciatoria, ricalca sul versante sostanziale l’impostazione del codice civile (artt. 1168-1172) che disciplina, rispettivamente, l’azione di reintegrazione, l’azione di manutenzione, la denuncia di nuova opera e la denuncia di danno temuto. In ordine a ciascuna azione e denuncia, si analizzano le finalità perseguite, l’inquadramento giuridico, i requisiti per l’ammissibilità, i presupposti temporali, la legittimazione attiva e passiva, il regime probatorio, mentre particolare attenzione è data, altresì, al compossesso ed alle sue peculiarità. Completa il libro un approfondimento dei relativi procedimenti, possessorio e di nunciazione, tratteggiando le varie fasi in cui gli stessi si sgranano, compendiate, rispettivamente, negli artt. 703-705 e 688-691 c.p.c., con le opportune integrazioni del c.d. rito cautelare uniforme di cui agli artt. 669-bis ss. c.p.c. L’opera – caratterizzata da un taglio pratico e corredata da un prezioso indice analitico-costituisce uno strumento di facile approccio per tutti gli operatori del settore, ai quali fornisce risposte ragionevoli sulle tante questioni che quotidianamente si pongono nelle aule di giustizia e nell’esercizio della professione.

INDICE SOMMARIO
Prefazione ……………………………………………………………………………………………………………….. V
CAPITOLO 1 L’AZIONE DI REINTEGRAZIONE
1. Le finalità della tutela …………………………………………………………………………………… 1
2. L’inquadramento dell’azione………………………………………………………………………. 5
3. Il possesso tutelabile ……………………………………………………………………………………. 11
4. Il requisito oggettivo…………………………………………………………………………………….. 13
4.1. Il concetto di spoglio………………………………………………………………………… 13
4.2. Lo spoglio violento ……………………………………………………………………………. 16
4.3. Lo spoglio clandestino……………………………………………………………………… 18
4.4. Lo spoglio parziale…………………………………………………………………………….. 21
5. Il requisito soggettivo ………………………………………………………………………………….. 22
5.1. L’animus spoliandi …………………………………………………………………………….. 22
5.2. Il regime probatorio ………………………………………………………………………….. 26
5.3. Il consenso espresso o tacito …………………………………………………………. 28
5.4. L’eccezione feci sed iure feci………………………………………………………….. 30
6. La legittimazione attiva ……………………………………………………………………………….. 33
6.1. Il soggetto spogliato …………………………………………………………………………. 33
6.2. L’interversione del possesso…………………………………………………………… 36
6.3. Il detentore qualificato …………………………………………………………………….. 38
6.4. Il conduttore e il subconduttore ……………………………………………………. 42
6.5. Gli altri detentori qualificati……………………………………………………………… 45
6.6. Il detentore disinteressato ………………………………………………………………. 50
6.7. Il nudo proprietario……………………………………………………………………………. 52
6.8. L’erede e il chiamato all’eredità ……………………………………………………… 54
6.9. Il titolare della servitù ……………………………………………………………………….. 56
7. La legittimazione passiva…………………………………………………………………………….. 58
7.1. L’autore materiale e morale dello spoglio……………………………………. 58
7.2. La perdita del possesso ……………………………………………………………………. 63
7.3. L’acquirente a titolo particolare……………………………………………………… 65
7.4. Le ipotesi di litisconsorzio necessario…………………………………………… 70
8. I presupposti temporali ……………………………………………………………………………….. 74
9. I profili risarcitori……………………………………………………………………………………………. 79
CAPITOLO 2 L’AZIONE DI MANUTENZIONE
1. Le finalità della tutela …………………………………………………………………………………… 87
2. L’inquadramento dell’azione………………………………………………………………………. 89
3. Il possesso manutenibile …………………………………………………………………………….. 95
3.1. L’oggetto della tutela ……………………………………………………………………….. 95
3.2. L’ultrannalità ………………………………………………………………………………………. 98
3.3. La continuità e non interruzione……………………………………………………. 101
3.4. La mancanza di violenza e clandestinità ……………………………………… 102
4. Il requisito oggettivo…………………………………………………………………………………….. 103
4.1. La molestia di fatto e di diritto ……………………………………………………….. 103
4.2. Il disturbo al possesso………………………………………………………………………. 106
4.3. Lo spoglio semplice ………………………………………………………………………….. 109
5. Il requisito soggettivo ………………………………………………………………………………….. 111
5.1. L’animus turbandi ……………………………………………………………………………… 111
5.2. Le cause scriminanti…………………………………………………………………………. 115
6. La legittimazione attiva ……………………………………………………………………………….. 115
7. La legittimazione passiva…………………………………………………………………………….. 119
8. I presupposti temporali ……………………………………………………………………………….. 123
CAPITOLO 3 LE PECULIARITÀ DEL COMPOSSESSO
1. Il concetto di compossesso………………………………………………………………………… 129
2. La variegata casistica giurisprudenziale…………………………………………………… 132
3. Lo specifico regime condominiale ……………………………………………………………. 136
4. La lesione del compossesso delle parti comuni dell’edificio ………………. 138
5. L’azione di reintegrazione…………………………………………………………………………… 142
5.1. La legittimazione attiva ……………………………………………………………………. 142
5.2. La legittimazione passiva…………………………………………………………………. 145
5.3. Il possesso tutelabile ………………………………………………………………………… 147
5.4. Lo spoglio duraturo…………………………………………………………………………… 151
5.5. L’azione possessoria del condomino nei confronti del
condominio ………………………………………………………………………………………… 153
6. L’azione di manutenzione…………………………………………………………………………… 158
6.1. La legittimazione attiva ……………………………………………………………………. 158

6.2. La legittimazione passiva…………………………………………………………………. 159
6.3. La molestia apprezzabile …………………………………………………………………. 160
6.4. Le fattispecie più frequenti……………………………………………………………… 165
7. L’usucapione delle parti comuni dell’edificio………………………………………….. 171
7.1. Le difficoltà per il singolo partecipante ………………………………………… 171
7.2. I requisiti per l’acquisto della proprietà esclusiva……………………….. 173
7.3. Il titolo contrario alla presunzione di comunione………………………. 176
7.4. I profili processuali…………………………………………………………………………….. 179
CAPITOLO 4 IL PROCEDIMENTO POSSESSORIO
1. L’evoluzione del procedimento…………………………………………………………………. 187
1.1. Il codice del 1942………………………………………………………………………………. 187
1.2. La novella del 1993…………………………………………………………………………… 190
1.3. Le Sezioni Unite del 1998……………………………………………………………….. 193
1.4. Il decreto competitività del 2005…………………………………………………… 195
2. La struttura bifasica ……………………………………………………………………………………… 196
3. Il merito possessorio facoltativo ……………………………………………………………….. 198
4. Gli incombenti del giudice e delle parti……………………………………………………. 200
5. La clausola di compatibilità ………………………………………………………………………… 204
6. La stabilità e l’efficacia dell’interdetto………………………………………………………. 207
7. Il regime delle spese…………………………………………………………………………………….. 210
8. I rimedi impugnatori…………………………………………………………………………………….. 213
8.1. Gli interventi della Corte Costituzionale……………………………………….. 213
8.2. L’esperibilità generalizzata del reclamo……………………………………….. 216
9. Le domande di provvedimento possessorio nel corso del giudizio
petitorio…………………………………………………………………………………………………………… 220
9.1. Gli attentati possessori scrutinabili………………………………………………… 220
9.2. La deroga alla competenza esclusiva……………………………………………. 223
9.3. Gli orientamenti contrapposti…………………………………………………………. 227
9.4. I provvedimenti temporanei indispensabili………………………………….. 233
10. Il divieto di cumulo tra giudizio possessorio e petitorio ………………………. 237
10.1. La ratio della norma ………………………………………………………………………….. 237
10.2. I presupposti per l’applicabilità……………………………………………………….. 243
10.3. Le possibili attenuazioni…………………………………………………………………… 249
10.4. Il provvedimento cautelare per neutralizzare il pregiudizio
irreparabile ………………………………………………………………………………………….. 253
CAPITOLO 5 LA DENUNCIA DI NUOVA OPERA
1. La finalità della tutela …………………………………………………………………………………… 261
2. L’inquadramento dell’azione………………………………………………………………………. 264
3. L’opus novum………………………………………………………………………………………………… 266
4. Il danno alla res ……………………………………………………………………………………………… 269
5. La legittimazione attiva ……………………………………………………………………………….. 274
6. La legittimazione passiva…………………………………………………………………………….. 278
7. Le ipotesi di litisconsorzio necessario ……………………………………………………… 282
8. I presupposti temporali ……………………………………………………………………………….. 283
CAPITOLO 6 LA DENUNCIA DI DANNO TEMUTO
1. Le finalità della tutela …………………………………………………………………………………… 291
2. L’inquadramento dell’azione………………………………………………………………………. 296
3. La cosa pregiudizievole ……………………………………………………………………………….. 300
4. Il danno grave e prossimo…………………………………………………………………………… 302
5. La legittimazione attiva ……………………………………………………………………………….. 306
6. La legittimazione passiva…………………………………………………………………………….. 307
7. L’esperibilità nei confronti della Pubblica Amministrazione ……………….. 311
8. La variegata realtà condominiale………………………………………………………………. 314
CAPITOLO 7 IL PROCEDIMENTO DI NUNCIAZIONE
1. L’evoluzione del procedimento…………………………………………………………………. 319
1.1. L’assetto originario ……………………………………………………………………………. 319
1.2. La miniriforma del codice di rito…………………………………………………….. 323
1.3. La strumentalità attenuata ……………………………………………………………… 328
2. Il provvedimento cautelare…………………………………………………………………………. 331
3. La contravvenzione al divieto del giudice……………………………………………….. 336
4. La qualificazione della domanda……………………………………………………………….. 340
5. L’autonomia delle fasi ………………………………………………………………………………….. 343
6. L’eventuale giudizio di merito……………………………………………………………………. 346
7. I rimedi impugnatori…………………………………………………………………………………….. 349
Indice analitico ……………………………………………………………………………………………………….. 355

 

38,00 36,10

38,00 36,10

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com