Il tuo carrello

LIBRERIA E FORMAZIONE GIURIDICA

Sempre aggiornati con la newsletter

In offerta!

LE INTERFERENZE DEL PROCESSO PENALE CON IL PROCESSO TRIBUTARIO

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

autore: V. Garofoli-G.Riccio-A.Auricchio-F.I. Garofoli

editore: Nel diritto

anno di pubblicazione: ottobre 2020

pagine: 257

30,00 28,50

APPROFONDISCI

In un’epoca dominata dal primato dell’io e dal pensiero computante, rimettendosi in ascolto dell’essere significa rivelarne i segreti, attraverso il linguaggio, quale orizzonte verso il quale si proietta la nostra esistenza. Se allora, il senso dell’essere, l’uomo, è un ente caratterizzato da temporalità e mortalità, concepito secondo Heiddeger, come “immagine dei fatti del mondo”, nel discorso che qui si sviluppa, su argomenti diversi occorre introdurre un terzo elemento che completa il dualismo “essere” e “tempo”: il silenzio secondo Wittgeinstein. In tal caso gli equilibri si spostano altrove, perchè il silenzio esprime, sì, un diritto, ma nel contempo esso è un’impostazione: “Su ciò di cui non si può parlare si deve tacere”.

Questo complesso nodo problematico è il motore che contraddistingue i contributi del presente volume e che invita a rimediare la filosofia di fondo dell’insieme: il valore dell’Uomo nel sistema processuale penale e tributario.

SOMMARIO

PARTE I
RITO PENALE E TRIBUTARIO A CONFRONTO NEL QUADRO
DEL GIUSTO PROCESSO

CAPITOLO I
DAL GARANTISMO ALLA POLITICA SECURITARIA 3
di G. Riccio
1. La “notte della Repubblica” come emblema della crisi morale che attraversa
la giurisdizione. 5
2. Cultura penale e legalità: la permanente resistenza inquisitoria e la
manipolazione del codice del 1987. 6
3. Questione morale: la retrocessione del giudizio sull’azione e l’aumento
del tasso di irrazionalità del sistema. 9
CAPITOLO II
PROCESSO PENALE E TRIBUTARIO – MAGISTRATURA –
POTERE POLITICO: IL MITO DELL’UNITÀ DEL SAPERE
GIURIDICO 13
di V. Garofoli
1. Dalle macerie del sapere giuridico. 15
2. Verità o appartenenza. 15
3. L’unitarietà della Giurisdizione. 16
4. Il tempo tra processo penale e Tributario. 19
CAPITOLO III
IL GIUSTO PROCESSO TRIBUTARIO 21
di Antonio Uricchio
1. I principi del giusto processo tra modifiche costituzionali e impegni
internazionali. 23
2. Estensione applicativa dei principi del giusto pro-cesso al processo
tributario. 26
3. Il principio della durata ragionevole e i giudizi tributari tra orientamenti
giurisprudenziali ed equivoci interpretativi. 29
4. La costituzionalizzazione delle garanzie della CEDU per il tramite della
riforma costituzionale del titolo V. 34
5. Conclusioni. 37

IX
PARTE II
QUESTIONI DI DIRITTO PENALE TRIBUTARIO

CAPITOLO I
L’EVOLUZIONE NORMATIVA DEI RAPPORTI TRA IL
PROCESSO TRIBUTARIO E IL PROCESSO PENALE 41
di S. A. Parente
1. Il rapporto tra il processo tributario e il processo penale: la pregiudiziale
tributaria e la presunzione di legittimità dell’atto. 43
2. Il congelamento del termine di prescrizione del reato tributario e la
sospensione dell’azione penale. 45
3. La dichiarazione d’illegittimità costituzionale delle norme in materia di
pregiudiziale tributaria. 46
4. La “pan-penalizzazione” e i reati prodromici all’evasione. 48
5. L’unità della giurisdizione e il primato del processo penale. 50
6. La dipendenza del processo tributario da quello penale. 51
7. Il modulo del “doppio binario”. 54
8. L’autonomia dei processi e i limiti all’efficacia del giudicato penale. 56
9. Il rischio di pronunce antitetiche. 60
10. La transizione dai “reati di pericolo” ai “reati di danno”. 61
11. Il regime delle sanzioni e il principio di specialità. 62
12. Il modello delle “convergenze parallele”. 65
CAPITOLO II
LE VERIFICHE FISCALI TRA PROCEDIMENTO
ISTRUTTORIO AMMINISTRATIVO E PROCEDI-MENTO
PENALE: L’EFFICACIA PROBATORIA E L’(IN)
UTILIZZABILITÀ DEL MATERIALE ACQUISITO 67
di. M. Capuano
1. L’art. 220 delle disposizioni di attuazione del codice di procedura penale. 69
2. Le connessioni funzionali tra polizia giudiziaria e polizia economico
finanziaria. 71
3. L’utilizzo ai fini fiscali di documenti, dati e notizie acquisiti nell’esercizio
dei poteri di polizia giudiziaria: il nulla osta dell’Autorità Giudiziaria. 73
4. L’utilizzo probatorio del processo verbale di constatazione nel
procedimento penale. 76
5. La rilevanza penale degli atti amministrativi: I rapporti tra processo
verbale di constatazione e comunicazione di notizia di reato. 77
6. L’inutilizzabilità dei dati rinvenienti dalle indagini bancarie. 78
X
CAPITOLO III
IL PRINCIPIO DI SPECIALITÀ NEL SISTEMA
SANZIONATORIO TRIBUTARIO. 83
di A. Lascala
1. Cenni storici. 85
2. Profili generali. 86
3. Il principio di specialità nella disciplina legislativa penale ed
amministrativa. 89
4. Le deroghe al principio di specialità. 91
5. Il doppio binario sanzionatorio: i reati tributari e il principio del ne bis in
idem. 92
5.1. La giurisprudenza europea. 94
5.2. I recenti orientamenti giurisprudenziali interni. 97
5.3. L’intervento della Consulta del 2 marzo 2018, n. 43. 99
CAPITOLO IV
IL PROFITTO CONFISCABILE NEI REATI TRIBUTARI 101
di V. Rotondi
1. La confisca tributaria: tra valore dell’equivalente… 103
2. 2. (Segue)…ed equivalenza del valore (la giurisprudenza Gubert ). 105
3. 3. Il contrasto all’evasione fiscale e ciò che resta del principio di
proporzione (il d.lgs. 75/2020). 109
4. Rapporti tra procedimento penale e contenzioso tributario (appendice
storico-critica). 115
CAPITOLO V
IL RADDOPPIO DEI TERMINI DI PRESCRIZIONE: UNA
NOVELLA DALLA BREVE VITA 119
di D. Tandoi
1. Introduzione. 121
2. Il presupposto oggettivo per il raddoppio dei termini di prescrizione. 121
3. La Corte Costituzionale del 2011 e gli orientamenti della
Giurisprudenza. 123
4. Il ruolo dei soggetti terzi nella presentazione della notizia di reato. 126
5. Il negato contrasto con lo Statuto del Contribuente e con i principi della
Costituzione sempre secondo la sentenza del 2011. 127
6. Le criticità del sistema, la sua abrogazione e i non risolti problemi sulla
portata delle norme di regime transitorio. 128
7. Conclusioni. 131
XI
CAPITOLO VI
L’ESTINZIONE DEL REATO PER CONDOTTE
RIPARATORIE: GLI EFFETTI SULLE SANZIONI
TRIBUTARIE 133
di M. Talani
1. Premessa. 135
2. L’istituto e condizioni di applicabilità. 135
3. Aspetti critici applicativi. 138
4. Riflessi di diritto tributario. 139

PARTE III
QUESTIONI DI DIRITTO PROCESSUALE PENALE

CAPITOLO I
IL METODO DELLA GIURISDIZIONE TRA SEGRETO E
INFORMAZIONE 143
di F. J. Garofoli
1. L’equilibrio tra emozioni e regole nel processo penale. 145
2. Il valore dell’essere e del tempo nel processo penale. 145
3. Il controllo sociale dell’opinione pubblica. 149
4. I segreti nelle interferenze tra processo penale e tributario. 152

CAPITOLO II
SULLE INTERFERENZE TRA PROCESSO PENALE E
TRIBUTARIO
di F. J. Garofoli
1. Le regole del giusto processo nella dialettica sul giudicato: le imprudenti
pretese di celerità processuale. 159
2. I criteri di valutazione nell’entanglement probatorio 163
3. Il contraddittorio per la prova nelle preclusioni Tributarie. 169
4. Il divieto di testimonianza nel processo tributario: il ripudio del
contraddittorio. 175
5. L’(in)utilizzabilità degli atti penali nel processo tributario. 179
6. Gli innesti legislativi in tema di applicazione della pena su richiesta delle
parti. 184
7. Il valore indiziario delle dichiarazioni rese dai terzi. 186
8. Le intercettazioni telefoniche tra tutela della riservatezza, segretezza
delle indagini e garanzie difensive. 190
CAPITOLO III
LA RIFORMA DEL GIUDIZIO ABBREVIATO E LE REGOLE
DI CONVIVENZA CON IL SISTEMA SANZIONATORIO
TRIBUTARIO. 199
di G. Bocchino
1. Il giudizio abbreviato nella Legge 12 aprile 2019, n. 33. 201
2. Il lungo rapporto tra rito abbreviato ed ergastolo. 203
3. Il fulcro della riforma: l’inapplicabilità per i delitti puniti con la pena
dell’ergastolo. 204
4. Riflessioni sulla riforma. 204
5. Le vicende del giudizio e la loro incidenza sulla ammissibilità del rito. 207
6. Il giudizio abbreviato non condizionato e le regole di convivenza con il
sistema sanzionatorio tributario. 208
7. Conclusioni 209
CAPITOLO IV
L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELLA PRESUNZIONE
DI ACCERTAMENTO NEL PATTEGGIAMENTO: IL
VALORE PROBATORIO NEL RITO TRIBUTARIO. 211
di L. De Cesare
1. La presunzione di accertamento nell’applicazione della pena su richiesta
delle parti. 213
2. Valore probatorio del patteggiamento nel contenzioso tributario. 215
3. Effetti della sentenza di patteggiamento nel procedimento tributario 217
CAPITOLO V
IL DIVIETO DI BIS IN IDEM NELL’ EVOLUZIONE
GIURISPRUDENZIALE INTERNA ED EUROPEA 221
di M. Minafra
1. Introduzione. 223
2. Le fonti del ne bis in idem. 224
3. Il presupposto soggettivo di operatività del divieto di bis in idem 226
4. La nozione di idem factum. 227
5. Ne bis in idem e doppio binario sanzionatorio. Il revirement della Corte di
Strasburgo con la sentenza “A e B c. Norvegia”. 230
6. Sulla conformità convenzionale del sistema penal-tributario nazionale. 234
7. Conclusioni de iure condito e prospettive de iure condendo. 236
XIII CAPITOLO VI
IL RIFLESSO DEL GIUDICATO PENALE NEL GIUDIZIO
TRIBUTARIO 241
di V. Citraro
1. Il problema del delicato rapporto fra giudizio tributario e giudizio
penale. 243
2. L’efficacia del giudicato penale nel giudizio tributario. 246
3. (Segue)… E l’influenza del procedimento tributario nel processo penale. 252
4. Aporie di sistema e prospettive de iure condendo. 255

 

30,00 28,50

30,00 28,50

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com