Il tuo carrello

In offerta!

L'ORGANISMO DI VIGILANZA NEL SISTEMA 231

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

Editore Pacini Giuridica

Pubblicato nel gennaio 2021

A cura di Enrico Di Fiorino e Ciro Santoriello

39,00 36,00

APPROFONDISCI

PREFAZIONE …………………………………………………………………………………….. p. XV
Ciro Santoriello – Enrico Di Fiorino
INTRODUZIONE ………………………………………………………………………………..» XVII
Vincenzo Mongillo
Capitolo I
La natura giuridica»……………………………………………………………………………….» 1
Andrea De Panfilis
1. Introduzione……………………………………………………………………………………..» 1
2. Inquadramento normativo ………………………………………………………………….» 2
3. Tipicità degli organi sociali………………………………………………………………….» 4
4. Profilo funzionale ………………………………………………………………………………» 4
5. Considerazioni finali…………………………………………………………………………..» 5
Capitolo II
La nomina, il compenso e la cessazione……………………………………………………» 7
Lorena Morrone
1. Premessa……………………………………………………………………………………………» 7
2. La nomina dell’OdV ………………………………………………………………………….» 8
2.1. Nel caso di identificazione dell’OdV con il Collegio sindacale………..» 13
2.2. Nel caso di società a partecipazione pubblica ………………………………..» 14
3. Il compenso dell’OdV………………………………………………………………………..» 15
4. La cessazione dell’OdV……………………………………………………………………….» 19
4.1. Scadenza …………………………………………………………………………………..» 20
4.2. Dimissioni ………………………………………………………………………………..» 21
4.3. Revoca………………………………………………………………………………………» 22
4.4. Decadenza…………………………………………………………………………………» 25
VI I
Capitolo III
I requisiti………………………………………………………………………………………………» 27
Enrico Di Fiorino
1. Premessa……………………………………………………………………………………………» 27
2. Autonomia………………………………………………………………………………………..» 29
3. Indipendenza …………………………………………………………………………………….» 31
4. Professionalità……………………………………………………………………………………» 33
5. Onorabilità ……………………………………………………………………………………….» 35
6. Continuità d’azione……………………………………………………………………………» 36
Capitolo IV
La composizione……………………………………………………………………………………» 39
Francesca Ghetti – Gian Paolo Fiorile
1. Premessa: i criteri-guida per la costruzione dell’Organismo di Vigilanza ….» 39
2. Le questioni da affrontare e le possibili soluzioni …………………………………..» 44
3. Sull’idoneità dei soggetti “interni” all’ente ad assumere in via
“monocratica” le funzioni dell’Organismo di Vigilanza, ovvero farne parte:
gli amministratori ………………………………………………………………………………….» 47
3.1. I membri del collegio sindacale……………………………………………………» 51
3.2. La funzione di Internal Auditing………………………………………………….» 57
3.3. La funzione di compliance …………………………………………………………..» 61
3.4. Le altre funzioni aziendali …………………………………………………………..» 62
4. Sull’idoneità dei soggetti “esterni” all’ente ad assumere in via
“monocratica” le funzioni di Organismo di Vigilanza, ovvero farne parte…….» 65
Capitolo V
La funzione di vigilanza negli enti di piccole dimensioni: piccole e medie
imprese, imprese individuali e start-up innovative……………………………………..» 69
Cesare Capuzzo – Marika Fardo
1. Applicabilità del d.lgs. 231/2001 agli enti di piccole dimensioni…………….» 69
1.1. Inquadramento sistematico a favore dell’applicabilità del d.lgs.
231/2001 agli enti di piccole dimensioni (artt. 1 e 6, comma 4)……………» 69
1.2. Esclusione giurisprudenziale delle imprese individuali dai destinatari
della disciplina della responsabilità amministrativa degli enti………………..» 71
1.3. Focus: la posizione delle start up innovative………………………………….» 73
1.4. Nozione di “ente di piccole dimensioni”: criteri quantitativiqualitativi e confronto con la nozione di Piccola Media Impresa …………..» 74
2. Soluzioni per la composizione dell’OdV negli enti di piccole dimensioni ..» 78
I VII
2.1. L’organo di gestione con funzioni di vigilanza: quando e come può
costituire una scelta efficace……………………………………………………………….» 78
2.2. Le altre possibili soluzioni: il collegio sindacale e il comitato soci……» 80
3. Profili pratici per la vigilanza nelle PMI: relazioni sull’attività,
whistleblowing e iniziativa disciplinare………………………………………………………» 83
Capitolo VI
L’OdV nei Gruppi di Imprese…………………………………………………………………» 87
Armando Simbari
1. Composizione degli OdV nei gruppi di società……………………………………..» 87
2. Rapporti tra OdV del Gruppo: tra esigenze di coordinamento
e divieto di ingerenza ……………………………………………………………………………..» 93
2.1. Il coordinamento: strumenti e assetti organizzativi………………………..» 96
2.2. Il contratto di direzione e coordinamento…………………………………….» 98
3. Estensione e limiti della responsabilità amministrativa da reato
tra le società del Gruppo: il ruolo degli OdV ……………………………………………» 99
4. L’OdV nei gruppi transnazionali………………………………………………………….» 104
Capitolo VII
I flussi informativi quale strumento dell’attività………………………………………..» 109
Iole Anna Savini
1. Premessa……………………………………………………………………………………………» 109
2. Le informazioni aziendali, le scelte organizzative ed il Modello
di organizzazione, gestione e controllo. La centralità dell’Organismo
di Vigilanza e la galassia del ‘Sistema 231’ ………………………………………………..» 115
3. Le comunicazioni di dati ed informazioni all’Organismo di Vigilanza.
L’avvio della circolarità……………………………………………………………………………» 119
4. Le comunicazioni dell’Organismo di Vigilanza: la Relazione
all’Organo dirigente. Le altre comunicazioni funzionali al controllo.
La chiusura dell’anello ……………………………………………………………………………» 125
5. Qualche spunto ricostruttivo (dell’indagine) ed una conclusione…………….» 131
Capitolo VIII
Le attività, i poteri e gli obblighi……………………………………………………………..» 133
Guglielmo Giordanengo – Stefano Valentini
1. Vigilanza …………………………………………………………………………………………..» 133
2. Formazione ed informazione……………………………………………………………….» 138
3. Aggiornamento del Modello ……………………………………………………………….» 141
4. Poteri impeditivi o disciplinari…………………………………………………………….» 145
VIII I
Capitolo IX
Gli obblighi di segretezza gravanti in capo ai membri dell’OdV………………….» 151
Francesco Bruni
1. Premessa: rilevanza del tema e approccio metodologico………………………….» 151
2. Gli obblighi di segretezza e riservatezza in capo ai membri dell’OdV:
la prassi…………………………………………………………………………………………………» 154
2.1. Le fonti degli obblighi di segretezza e riservatezza………………………….» 156
3. Le conseguenze della violazione degli obblighi di segretezza e riservatezza..» 162
4. Gli obblighi di segretezza e riservatezza dei membri dell’OdV
alla prova pratica ……………………………………………………………………………………» 167
4.1. Le comunicazioni alle autorità amministrative e giudiziarie.
L’art. 200 c.p.p…………………………………………………………………………………» 171
Capitolo X
La responsabilità civile……………………………………………………………………………» 177
Alessandro Manico
1. Considerazioni introduttive………………………………………………………………..» 177
2. Responsabilità verso terzi – Extracontrattuale……………………………………….» 178
3. Responsabilità verso l’ente – contrattuale……………………………………………..» 180
3.1. Natura del rapporto contrattuale tra l’Organismo di Vigilanza
e l’ente…………………………………………………………………………………………….» 180
3.2. Legittimazione attiva e passiva …………………………………………………….» 181
3.3. Presupposti dell’azione e onere della prova……………………………………» 182
3.4. Determinazione del risarcimento del danno………………………………….» 184
3.5. Limitazioni e rinuncia alla responsabilità ……………………………………..» 185
Capitolo XI
L’assicurazione dei componenti……………………………………………………………….» 187
Alessandro Baudino
1. Adeguatezza degli assetti organizzativi e gestione del rischio: l’assicurazione
dei soggetti investiti di funzioni di amministrazione e controllo come
strumento di buon governo dell’impresa ………………………………………………….» 187
2. L’assicurazione per conto altrui: profili contributivi e fiscali……………………» 190
3. L’assicurazione dei componenti dell’Organismo di Vigilanza ………………….» 191
4. L’analisi preassuntiva del rischio…………………………………………………………..» 194
5. L’ambito della responsabilità assicurata e la graduazione della colpa ………..» 196
6. La delimitazione dell’ambito dei soggetti terzi legittimati al risarcimento ..» 197
7. La delimitazione temporale della copertura assicurativa: la clausola loss
occurrence e la clausola claims made………………………………………………………….» 197
I IX
8. Le varianti e le insidie delle clausole claims made …………………………………..» 201
9. La clausola di recesso della compagnia assicuratrice……………………………….» 204
10. La clausola di assunzione della lite da parte della compagnia assicuratrice;
la polizza di tutela legale…………………………………………………………………………» 205
Capitolo XII
La responsabilità penale………………………………………………………………………….» 209
Ciro Santoriello
1. Premessa……………………………………………………………………………………………» 209
2. I reati di concussione e corruzione……………………………………………………….» 209
3. La violazione delle norme antinfortunistiche ………………………………………..» 211
4. I reati societari …………………………………………………………………………………..» 213
5. I reati comuni richiamati dagli artt. 24 ss. d.lgs. 231/2001 …………………….» 214
Capitolo XIII
Il regolamento……………………………………………………………………………………….» 217
Francesca Procopio
1. Il Regolamento dell’OdV: introduzione……………………………………………….» 217
2. La disciplina dell’OdV: rapporto tra il Modello e il Regolamento …………..» 219
3. Previsioni di dettaglio sul concreto funzionamento dell’OdV …………………» 220
4. Indicazioni operative sull’adozione del Regolamento……………………………..» 224
Capitolo XIV
L’OdV nel procedimento penale……………………………………………………………..» 227
Caterina Fatta
1. Premessa……………………………………………………………………………………………» 227
2. L’attività di vigilanza dell’OdV e lo svolgimento delle indagini interne ……» 229
2.1. Le finalità delle indagini interne………………………………………………….» 231
2.2. Le indagini interne informali e la disciplina rilevante…………………….» 232
2.3. Le indagini interne secondo le modalità delle investigazioni difensive» 235
2.4. Utilizzabilità processuale degli esiti delle indagini interne………………» 237
2.5. Legal privilege…………………………………………………………………………….» 239
3. Il procedimento penale e i possibili riflessi sull’attività dell’organismo
di vigilanza ……………………………………………………………………………………………» 242
3.1. Le indagini preliminari……………………………………………………………….» 242
3.2. L’attività di indagine nei confronti dei membri dell’OdV……………….» 244
3.3. Il controllo sulla strategia difensiva e il contributo alla
predisposizione della difesa tecnica …………………………………………………….» 245
3.4. L’attività di vigilanza dell’OdV e i conseguenti profili premiali……….» 251
X I
Capitolo XV
Il rapporto tra la Compliance ed il ruolo dell’In-House Legal……………………….» 253
Cosimo Pacciolla
1. Predisposizione del modello e incarico all’OdV: occasione di riflessione su
sistemi di compliance o prevenzione…………………………………………………………» 253
2. OdV – In-House Legal ………………………………………………………………………..» 261
3. Dal “Conflitto di interessi” alla “difesa” dell’Impresa in una prospettiva
costituzionalmente orientata …………………………………………………………………..» 264
Capitolo XVI
Anticorruzione………………………………………………………………………………………» 269
Maria Francesca Artusi
1. La prevenzione della corruzione…………………………………………………………..» 269
1.1. Le società a partecipazione pubblica …………………………………………….» 271
1.2. Modello organizzativo e Piano di prevenzione della corruzione………» 274
2. Il ruolo dell’Organismo di Vigilanza nelle società pubbliche…………………..» 276
2.1. Le interazioni con il Responsabile anticorruzione………………………….» 278
2.2. OdV e obblighi di trasparenza …………………………………………………….» 283
2.3. OdV nelle società a partecipazione pubblica non di controllo ………..» 285
Capitolo XVII
Antiriciclaggio……………………………………………………………………………………….» 287
Nicola Mainieri – Pasquale Grella
1. La disciplina antiriciclaggio e il doppio binario
– gli obblighi amministrativi…………………………………………………………………..» 287
1.1. IL GAFI/FATF e le Quaranta Raccomandazioni …………………………..» 287
1.2. Le cinque Direttive europee ed il loro recepimento in Italia……………» 289
1.3. L’evoluzione dei presidi di collaborazione passiva
e collaborazione attiva……………………………………………………………………….» 291
1.4. L’ampliamento della platea dei soggetti obbligati…………………………..» 292
1.5. Il ruolo delle Autorità di vigilanza di settore
e della normativa secondaria………………………………………………………………» 292
2. La disciplina antiriciclaggio e il doppio binario – i reati di riciclaggio ……..» 293
2.1. Ricettazione, riciclaggio (648-bis c.p.) e impiego di denaro
e proventi illeciti (648-ter c.p.)…………………………………………………………..» 293
2.2. L’introduzione in Italia dell’autoriciclaggio (648-ter1)……………………» 296
2.3. La Cassazione e il dolo eventuale nei reati di riciclaggio: un ulteriore
collegamento tra il contrasto amministrativo e quello penale al riciclaggio» 299
3. L’evoluzione degli obblighi di reporting…………………………………………………» 300
I XI
3.1. Dal money-laundering al money-dirtying………………………………………..» 300
3.2. Dall’obbligo di segnalazione delle operazioni sospette di riciclaggio a
quello per “ogni attività criminosa”…………………………………………………….» 302
4. Il Ruolo dell’OdV nella disciplina antiriciclaggio…………………………………..» 303
4.1. L’evoluzione normativa……………………………………………………………….» 303
4.2. L’esclusione dell’OdV dagli obblighi di vigilanza e comunicazione….» 305
4.3. L’attuale ruolo dell’OdV nell’ambito dell’antiriciclaggio ………………..» 306
5. L’Attività dell’OdV per la prevenzione dei reati di riciclaggio dei soggetti
obbligati ex d.lgs. 231/2007 ……………………………………………………………………» 306
5.1. La compliance integrata tra antiriciclaggio e d.lgs. 231/2001…………..» 306
5.2. Le aree di rischio reato di riferimento…………………………………………..» 307
5.3. I presidi di controllo da sottoporre a verifica…………………………………» 309
5.4. I flussi informativi ……………………………………………………………………..» 315
5.5. L’attività di formazione……………………………………………………………….» 316
5.6. La gestione del Whistleblowing tra AML e d.lgs. 231/2001 …………….» 317
Capitolo XVIII
Salute e Sicurezza sul lavoro ……………………………………………………………………» 319
Guglielmo Guglielmi
1. Analisi del Modello di organizzazione e di gestione in materia di salute e
sicurezza sul lavoro…………………………………………………………………………………» 319
1.1. Disamina dei contenuti del Modello di organizzazione e di gestione
adottato in relazione ai requisiti dell’art. 30 d.lgs. 81/2008…………………..» 319
1.2. L’adozione di un sistema aziendale per assicurare gli adempimenti
indicati al primo comma …………………………………………………………………..» 321
1.3. La registrazione degli obblighi giuridici adempiuti ………………………..» 324
1.4. L’articolazione di adeguate funzioni e l’adozione di un idoneo
sistema disciplinare…………………………………………………………………………..» 325
1.5. La previsione di un idoneo sistema di controllo…………………………….» 326
1.6. La rilevanza dell’intervenuta adozione di un sistema di gestione della
salute e sicurezza sul lavoro ai sensi del comma 5…………………………………» 330
1.7. L’intervenuta elaborazione di procedure semplificate per le piccole e
medie imprese………………………………………………………………………………….» 334
2. Attività dell’Organismo di Vigilanza e flussi informativi ………………………..» 336
2.1. Il sistema delle verifiche sull’efficace attuazione del Modello…………..» 336
2.2. Attivazioni e specifici interventi dell’OdV a fronte del verificarsi di
violazioni del Modello o dei reati presupposto …………………………………….» 340
XII I
Capitolo XIX
Ambiente………………………………………………………………………………………………» 343
Edoardo Mazzanti
1. Introduzione……………………………………………………………………………………..» 343
2. I reati-presupposto in materia ambientale…………………………………………….» 346
3. Rischio (reato) ambientale e Modello …………………………………………………..» 348
4. Rischio (reato) ambientale e OdV ……………………………………………………….» 350
4.1. La struttura dell’OdV…………………………………………………………………» 351
4.2. I compiti dell’OdV…………………………………………………………………….» 353
Capitolo XX
Abusi di mercato……………………………………………………………………………………» 359
Antonio Golino – Pasquale Grella
1. La prevenzione dei reati di abuso di mercato presso gli emittenti…………….» 359
1.1. Gli abusi del mercato nella legislazione comunitaria e nazionale……..» 359
1.2. Identificazione e gestione delle informazioni privilegiate………………..» 361
1.3. Eventuale ritardo della pubblicazione…………………………………………..» 363
1.4. Gestione delle Insider List……………………………………………………………» 365
1.5. Gestione dei comunicati stampa………………………………………………….» 366
2. La prevenzione dei reati di abusi di mercato presso gli istituti finanziari…..» 369
2.1. Premessa……………………………………………………………………………………» 369
2.2. Monitoraggio elettronico delle operazioni…………………………………….» 369
2.3. Market Soundings……………………………………………………………………….» 371
2.4. Il processo di rilevazione e segnalazione delle operazioni sospette……» 372
3. La prevenzione dei reati di abuso di mercato presso le società che
negoziano prodotti energetici all’ingrosso…………………………………………………» 373
3.1. Regolamento UE n. 1227/2011 sull’integrità e la trasparenza dei
mercati energetici all’ingrosso – REMIT…………………………………………….» 373
4. La gestione del Whistleblowing tra MAR e d.lgs. 231/2001…………………….» 375
5. L’attività dell’OdV in tema di abusi di mercato e aggiotaggio …………………» 376
Capitolo XXI
Privacy………………………………………………………………………………………………….» 379
Angelo Loiacono
1. Privacy e Data Protection …………………………………………………………………….» 379
2. DPIA e Risk Assessment……………………………………………………………………….» 383
3. DPO: rapporti e competenze………………………………………………………………» 387
4. Il Modello Privacy come si colloca nel Sistema di Controllo Interno……….» 390
I XIII
5. Qualificazione soggettiva a fini privacy dell’OdV…………………………………..» 394
Capitolo XXII
Società sportive……………………………………………………………………………………..» 397
Mattia Miglio
1. L’introduzione dell’art. 25-quaterdecies. Le fattispecie previste
dalla l. 401/1989 nel novero dei reati-presupposto ……………………………………» 397
2. I rapporti tra il sistema 231 e l’ordinamento sportivo…………………………….» 401
3. Le recenti modifiche e la necessità di un approccio integrato ………………….» 404
4. (segue). La sicurezza come fattore competitivo. La razionalizzazione
del rapporto tra società e tifosi ………………………………………………………………..» 407
Capitolo XXIII
Reati tributari………………………………………………………………………………………..» 409
Enrica Perusia
1. Cenni introduttivi ……………………………………………………………………………..» 409
2. L’inserimento dei reati tributari nel d.lgs. 231/2001.
Il nuovo contesto normativo …………………………………………………………………..» 413
2.1. Le fattispecie di reato tributario…………………………………………………..» 413
2.2. La direttiva PIF………………………………………………………………………….» 414
3. La gestione del rischio fiscale d’impresa nei “Modelli 231” …………………….» 415
4. La prevenzione dei reati tributari. Il ruolo dell’Organismo di Vigilanza …..» 419
5. La compliance societaria ………………………………………………………………………» 421
5.1. Il tax control framework. Analogie ed opportunità………………………….» 422
5.2. Compliance delle società quotate, “Legge sul risparmio”
e Responsabilità degli enti …………………………………………………………………» 426
5.3. Il sistema integrato come sintesi della compliance societaria…………….» 429
CONCLUSIONI
L’importanza dell’Organismo di Vigilanza………………………………………………..» 433
Bruno Giuffrè – Giuseppe Fornari
BIBLIOGRAFIA……………………………………………………………………………………» 439
AUTORI E CURATORI ………………………………………………………………………..» 459

39,00 36,00

39,00 36,00

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com