Il tuo carrello

LIBRERIA E FORMAZIONE GIURIDICA

Sempre aggiornati con la newsletter

In offerta!

TRATTATO DI DIRITTO PENALE PARTE GENERALE VOLUME III TOMO I IL REO E LA PERSONA OFFESA. IL DIRITTO PENALE MINORILE

Informazioni aggiuntive

IN SINTESI

autore: Marta Bertolino

editore: Giuffrè

anno di pubblicazione: 2009

40,00 38,00

APPROFONDISCI

INDICE
Introduzione ……………………………………. IX
Capitolo Primo
IL SOGGETTO ATTIVO
1. La capacità giuridico-penale. ……………………….. 1
2. La personalità dell’autore e il suo ruolo in un diritto penale del fatto. ….. 5
3. Altre caratteristiche relative al soggetto attivo: reati propri e comuni ……. 7
4. Segue: Le immunità: considerazioni preliminari; le immunità di diritto pubblico interno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.1. Le immunità di diritto internazionale; la natura giuridica delle immunità . 33
Capitolo Secondo
L’IMPUTABILITÀ E LE SUE CAUSE DI ESCLUSIONE
1. Considerazioni preliminari sul fondamento e sulla collocazione sistematica
dell’imputabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
2. L’imputabilità e la sua collocazione sistematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
3. Dolo e colpa del non imputabile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
4. La capacità di intendere e di volere: nozione e rapporti con il fatto di reato66
Capitolo Terzo
LE SINGOLE CAUSE DI ESCLUSIONE DELL’IMPUTABILITÀ
1. Il giudizio di imputabilità: il vizio di mente secondo il paradigma medicoorganicistico e quello psicologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
2. Segue: Verso nuovi paradigmi: quello diagnostico-sintomatologico e quello delle neuroscienze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
3. Gli stati emotivi o passionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
4. Il vizio parziale di mente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5. La perizia psicopatologica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
6. Alcune considerazioni epistemologiche e di metodo peritale . . . . . . . . . . . . 94
7. La disciplina dell’ubriachezza e dell’azione di sostanze stupefacenti: l’ambito di operatività dell’ubriachezza accidentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
8. L’ubriachezza volontaria o colposa e i suoi rapporti con l’actio libera in causa.104
9. Elemento soggettivo del fatto-reato commesso in stato di ubriachezza volontario colposa e principio di colpevolezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
10. Actio libera in causa e ubriachezza preordinata e assunzione preordinata di
sostanze stupefacenti: due ipotesi speciali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
11. L’ubriachezza abituale e la stupefazione abituale: nozione . . . . . . . . . . . . . 114
12. L’intossicazione cronica da alcol o da sostanza stupefacente quale vizio di mente. 117
13. Alcune osservazioni critiche sulla totale estensione della disciplina dell’ubriachezza alla c.d. stupefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
14. Il sordomutismo come autonoma causa di esclusione dell’imputabilità . .122
15. La presunzione assoluta di incapacità del minore infraquattordicenne . .124
16. La capacità di intendere e di volere come maturità psico-fisica del minore fra i quattordici e i diciotto anni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
17. La disciplina del vizio di mente e la minore età . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
Capitolo Quarto
LA CAPACITÀ CRIMINALE: LA RECIDIVA
1. Fondamento e natura della recidiva.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
2. La recidiva: dalla riforma del 1974 a quella del 2005 . . . . . . . . . . . . . . . . 155
3. Forme e disciplina della recidiva dopo la legge del 2005. . . . . . . . . . . . . . 159
4. Gli effetti “collaterali” della recidiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
5. Ulteriori profili di incostituzionalità e prospettive di riforma. . . . . . . . . . . . 185
Capitolo Quinto
ABITUALITÀ, PROFESSIONALITÀ NEL REATO E
TENDENZA A DELINQUERE
1. La pericolosità sociale e la capacità criminale: brevi considerazioni introduttive. 193
2. Le figure qualificate di pericolosità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
3. L’abitualità c.d. presunta e il problema del suo accertamento . . . . . . . . . . . 200
4. I presupposti applicativi delle diverse forme di abitualità . . . . . . . . . . . . . 205
5. La professionalità nel reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
6. La tendenza a delinquere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
7. Effetti giuridico-penali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
8. Alcune considerazioni sulle condanne ai fini della dichiarazione di abitualità o di professionalità; sulle disposizioni in materia di revoca della declaratoria di
delinquenza qualificata e su alcune questioni processuali . . . . . . . . . . . . . . 218
Capitolo Sesto
LA PERSONA OFFESA DAL REATO:
PROFILI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE
1. Soggetto passivo, danneggiato, oggetto giuridico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
2. La moderna politica criminale della persona offesa e il contributo della
criminologia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
3. Dalla prospettiva della protezione a quella della responsabilizzazione: la vittimodommatica e il principio di autoresponsabilità della vittima . . . . . . . . . 236
4. La persona offesa nella prospettiva processuale: considerazioni generali sulla querela. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
5. Il soggetto titolare del potere di querela: la persona fisica . . . . . . . . . . . . . 257
6. Segue: Le persone giuridiche e gli enti collettivi di fatto come soggetti titolari del diritto di querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
7. Le vicende della querela: questioni relative al termine decadenziale; rinuncia e remissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
8. Richiesta e istanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
Capitolo Settimo
LA PERSONA DEL MINORE: PREMESSE GENERALI
AL DIRITTO PENALE MINORILE
1. Il diritto penale minorile e le sue fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
2. La soglia della età minore nel sistema penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
3. La minore età nel codice Rocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
4. Gli istituti processuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
5. Segue: Le nuove formule definitorie del processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
6. Il minore autore di reato nelle sentenze della Corte costituzionale . . . . . . . .331
7. Realtà ed utopia di un sistema sanzionatorio minorile in fieri . . . . . . . . . . . 347
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355
Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367

40,00 38,00

40,00 38,00

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com