Usa questo campo di ricerca per la ricerca approfondita nel catalogo dei testi disponibili

Usa questo campo per la ricerca generale in tutto il portale tra corsi, articoli, libri e vari contenuti

RICERCA BIBLIOGRAFICA SUL CATASTO TAVOLARE

DIFFERENZE TRA CATASTO TAVOLARE E CATASTO ORDINARIO

TAVOLARE


ORDINARIO
Il sistema catastale tavolare (o catasto tavolare o sistema del libro fondiario) è un tipo di ordinamento catastale differente da quello ordinario, riconducibile principalmente alle esperienze dei territori dell’impero austro-ungarico e, come tale, solo parzialmente fruito nel nostro Paese Il sistema del tavolare, infatti, oggi vige in Italia nei territori annessi al termine della prima guerra mondiale, vale a dire le attuali province di Trieste,  Gorizia, Trento, Bolzano, in alcuni comuni della provincia di Udine, nel comune di Pedemonte  (Provincia di Vicenza), nei comuni di Magasa e Valvestino (Provincia di Brescia) e in tre comuni della Provincia di Belluno  (Cortina d’Ampezzo, Colle Santa Lucia e Livinallongo del Col di Lana).Il catasto italiano, inventario dei beni immobili presenti nel territorio nazionale, è stato realizzato attraverso
la costituzione di due successivi distinti sub-sistemi: il primo – denominato Catasto Terreni – comprendente
l’elenco di tutti i terreni di natura agricola ovvero comunque inedificati, il secondo – denominato Catasto
Edilizio Urbano – costituito dalle costruzioni di natura civile, industriale e commerciale.
  • Principio del predecessore tavolare
detto anche principio di continuità nelle intavolazioni, ovvero nel senso che si può iscrivere un diritto solo nei confronti del soggetto proprietario iscritto.
  • Principio dell’iscrizione
il diritto di proprietà e gli altri diritti reali sui beni immobili non si acquistano per atto tra vivi se non con l’iscrizione nel libro fondiario.
Questa operazione, detta “intavolazione“, è il vero atto traslativo, ed è quindi presupposto di efficacia, anche fra le parti, del trasferimento o della costituzione del diritto reale.

Nel diritto italiano vige invece il principio che la compravendita, anche immobiliare, si perfeziona con il solo consenso (art. 1376 del Codice Civile) e che la trascrizione è il mezzo per dirimere i conflitti tra più acquirenti dallo stesso alienante.
  • Principio della pubblica fede
l’iscrizione vale titolo in favore dei terzi (aventi un interesse legittimo e attuale) che in essa facciano affidamento con un duplice senso:

  • funzione negativa: ciò che non è iscritto nel libro fondiario è inefficace contro i terzi in buona fede
  • funzione positiva: ciò che è iscritto, ha efficacia contro chiunque.
  • ha carattere probatorio e le risultanze tavolari hanno valore costitutivo dei diritti. 

CONDIVIDI QUESTO CONTENUTO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

CONTATTI

Tel.: 06 39741182

email medichini@medichini.it

Indirizzo: Piazzale Clodio 26 ABC

00195 Roma

Orari libreria:

lun-ven 9:00-19:00

sab 9:30-13:30

Dove siamo

© 2019 Copyright Medichini Clodio.

Web Design by Khamilla.com